Login Registrati Connettiti via Facebook



Non sei registrato o connesso al forum.
Effettua la registrazione gratuita o il login per poter sfruttare tutte le funzionalità del forum e rimuovere ogni forma di pubblicità invasiva.

Condividi:
Nairo Quintana "El Nairochad"
 
Rispondi


[+] A 4 utenti piace il post di Luciano Pagliarini
Ennesima rinascita.

Direi che è ora di levarsi il cappello di fronte al grande lavoratore che è El Nairoman.

In salita, chiaramente, è sempre stato fortissimo. I miglioramentI che ha fatto in tanti altri aspetti del ciclismo, però, sono davvero degni di nota.

In discesa era bravino già dieci anni fa, ma oggi è stato magnifico. E appena la strada è tornata a salire, il suo vantaggio è aumentato a dismisura.

Spero che, all'ultimo minuto, ci ripensi sul Giro. Nonostante tutto.
 
Rispondi
Non voglio illudermi perché puntualmente a luglio lo vediamo sottotono per vari motivi/infortuni.

Teoricamente avrebbe chiuso col fare classifica, dichiarando di andare al Tour per le tappe.

Sarebbe bello tenesse questo livello.
 
Rispondi
 
Rispondi


[+] A 5 utenti piace il post di Luciano Pagliarini
Pare che si ritiri Triste
 
Rispondi
Non meritava di ritirarsi così.
 
Rispondi
In altri lidi avrebbe avuto il culo parato abbondantemente
 
Rispondi


[+] A 1 utente piace il post di Lambohbk
Sport penoso maledetto il giorno che ho iniziato ad interessarmene
 
Rispondi


[+] A 4 utenti piace il post di Primo della Cignala
Il ciclismo è gestito in maniera mefitica da troppo tempo. Il doping c’è in tutto lo sport dalle olimpiadi greche (non mi stancherò mai di scriverlo), ma solo nel ciclismo, grazie ai dirigenti sportivi più scarsi della storia, nonché ipocriti fino alla nebulosa di Andromeda, è stato uno strumento politico. Nairo Quintana, seppur non fenomeno da annoverare fra i grandi di sempre, è probabilmente stato il miglior corridore da corse a tappe da quando nel ciclismo ha iniziato ad imperare, con sostegni e vergogne passate per “evoluzione”, una certa lingua e prima della liberatoria “nouvelle vogue” odierna.
È poi criminale che uno come Nairo, debba smettere con la “macchia” di un Tramadolo servito a chiunque abbia bisogno di attenuare un forte dolore, ma farmaco appena divenuto dopante, per un sistema antidoping che sta dimostrandosi attacca-formiche per omologare elefanti. Un sistema che ha azzerato e concesso a qualcuno di farla franca e di ottenere vittorie quando erano sconfitte, fino a costruire di fatto volgari leggende dense di curriculum, ma dalla realtà che fa vomitare, a meno che non si mondializzi come benefica l’impostura.
Quanto Nairo, come altri, sia stato vittima di queste porcherie lo sanno le pietre, non gli imbecilli, le cui madri, specie nel ciclismo, sono sempre in cinta.
Pur non avendolo mai tifato, il suo abbandono mi crea un grosso dispiacere.
 
Rispondi


[+] A 5 utenti piace il post di Morris
Purtroppo per lui,paga il fatto di non essersi fatto ben volere dall'ambiente e tifosi......
 
Rispondi
Paga il fatto di essere andato a correre in una piccola squadra. Finche correva in una delle squadre storiche del WT con i santi in paradiso l'antidoping non gli passava manco vicino, poi chissà perchè dal 2020 sono iniziate le perquisizioni. Evidentemente non aveva il diritto di scegliere il suo datore di lavoro.
 
Rispondi


[+] A 2 utenti piace il post di Spalloni
El Nairochad non molla un cazzo

Non ho visto la conferenza ma mi piace pensare che si sia svolta così



 
Rispondi


[+] A 2 utenti piace il post di Albi
 
Rispondi
Per fortuna non smette


Si era parlato di Corratec .. Io non capisco cosa aspetti Eolo a prenderlo. Sono anche in parte spagnoli e possono puntare, se non dipendesse da Aso, all'accoppiata invito Giro-Vuelta

Altrimenti beh si Nairo sarebbe costretto ad andare giocoforza in un team Wt o con invito garantito se proprio volesse per forza fare il Tour
 
Rispondi
Credo che chieda soldoni, inoltre non escludo ritorsioni da organizzatori
 
Rispondi
Nairo domenica correrà il campionato colombiano con la maglia della nazionale
 
Rispondi
(24-01-2023, 10:13 AM)Morris Ha scritto: Il ciclismo è gestito in maniera mefitica da troppo tempo. Il doping c’è in tutto lo sport dalle olimpiadi greche (non mi stancherò mai di scriverlo), ma solo nel ciclismo, grazie ai dirigenti sportivi più scarsi della storia, nonché ipocriti fino alla nebulosa di Andromeda, è stato uno strumento politico. Nairo Quintana, seppur non fenomeno da annoverare fra i grandi di sempre, è probabilmente stato il miglior corridore da corse a tappe da quando nel ciclismo ha iniziato ad imperare, con sostegni e vergogne passate per “evoluzione”, una certa lingua e prima della liberatoria “nouvelle vogue” odierna.
È poi criminale che uno come Nairo, debba smettere con la “macchia” di un Tramadolo servito a chiunque abbia bisogno di attenuare un forte dolore, ma farmaco appena divenuto dopante, per un sistema antidoping che sta dimostrandosi attacca-formiche per omologare elefanti. Un sistema che ha azzerato e concesso a qualcuno di farla franca e di ottenere vittorie quando erano sconfitte, fino a costruire di fatto volgari leggende dense di curriculum, ma dalla realtà che fa vomitare, a meno che non si mondializzi come benefica l’impostura.
Quanto Nairo, come altri, sia stato vittima di queste porcherie lo sanno le pietre, non gli imbecilli, le cui madri, specie nel ciclismo, sono sempre in cinta.
Pur non avendolo mai tifato, il suo abbandono mi crea un grosso dispiacere.
mi ero perso che era stato squalificato positivo al tramadolo, farmaco che ahimè ho assunto in quantità industriale negli ultimi 12 mesi e che non posso immaginare che possa migliorare le prestazioni sportive, al massimo di addormenta in bicicletta o gli viene qualche allucinazione :Asd
Comunque è un oppiaceo, quindi ci sta che abbia le sue limitazioni.

Ho sentito ora che si ritira. Corridore non certo spettacolare e che come tanti connazionali mostra il meglio di sé da giovanissimo per poi sbiadire. Comunque era ancora a un ottimo livello, come mai si ritira?
 
Rispondi
In realtà ha detto che non si vuole ritirare. Non trova una squadra perchè ASO minaccia di non portare al Tour la squadra che prende Quintana, e chi è dentro al MPCC non può prenderlo per gli obblighi del movimento. Altre squadre invece non hanno il budget per prenderlo. Situazione molto brutta. Questo è quello che io ho capito

In ogni caso correrà i nazionali a breve con la maglia della nazionale colombiana.
 
Rispondi
  


Vai al forum:


Utente(i) che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)