Il Nuovo Ciclismo

Versione completa: Liège-Bastogne-Liège 2022
Al momento stai visualizzando i contenuti in una versione ridotta. Visualizza la versione completa e formattata.
Pagine: 1 2 3 4
Visione romantica della corsa: nell'ultima Liegi di PHIL PHIL PHIL (ultimo vincitore belga a Liegi), torna a vincere un belga.

Anzi, podio interamente belga.
REMCOOOOOOOOO.
Finalmente una vittoria di peso meritatissima, da fenomeno qual è.

Grande Hermans che si prende il lusso di bruciare Van Aert per il secondo posto.
Felicissimo di aver sbagliato tutto su Remco, non sapremo mai come avrebbe corso con Alan ancora in gara ma così è come deve muoversi sempre.

Nessuno che scatta sul pezzo duro della Roche è una manifestazione di inferiorità ancora più grande del distacco rimediato all'arrivo, il vento contro è una scusa che non regge.

Mitico Hermans, sono sempre stato convinto che avesse un grande futuro come stradista Applausi
SI GODE PARECCHIO

GRANDE REMCO. FINALMENTE!

EDIT: aspé Albi devo andare nel suo topic perché mi pare scrissi una cosa simile
Sulla caduta: non è la prima volta che succede alla Liegi in tratti del genere, avere più di 100 corridori in gruppo a quel punto della corsa non solo rappresenta un'aberrazione sportiva, con tutto il terreno che c'è per fare selezione, ma soprattutto equivale ad avere una bomba pronta deflagrare al minimo urto.
Sono stracontento e spero che Remco continui a pensare che per vincere bisogna scattare e continuare con delle velocità medie rare nella stora ciclistica. Lasci i tattici, ogni tanto, dove sono e, soprattutto, si alleni da sportivo e non da paziente. Lui ha tutto per essere epocale. I primi a saperlo sono i corridori, cominciando da quelli che in questi tre anni, gli si sono messi a ruota....per un po'.
In ogni caso per chi, come noi, fa parte dell'osservatoroio e spera che dopo oggi, vengano a cadere certe critiche e certi giudizi su di lui da considerarsi eufemisticamente negativi o esagerati, si metta il cuore in pace: certi "miserabili" hanno le mamme sempre in cinta.
(24-04-2022, 04:41 PM)SeppVanMaffen Ha scritto: [ -> ]
(24-04-2022, 04:37 PM)Gerro Ha scritto: [ -> ]Oggi si gode due volte, prima la caduta di alaphilippe e poi la vittoria di remco Godooooooo!!!!!!!!

Certe cose no perchè no, però non fosse caduto avremmo visto una corsa aberrante

Questo non credo. Aveva carta bianca sulla Redoute Remco
Evenepùùùùùù tu si 'a putenz' Evenepùùùùùùùùùùù
grande Remco, era il piu' forte e ha vinto con un gran numero, meritata. Pero' dietro hanno corso malissimo, in pianura dopo la Redoute erano Caruso e Landa a tirare... se le altre squadre non avessero corso per il secondo posto potevano riprenderlo subito dopo la Roche aux Faucons, ai -10 sono arrivati a -17".
Preferivo l'arrivo ad Ans, ma non è male anche cosi la Liegi
In pianura prima della Roche andava veramente al doppio rispetto a tutti gli altri.

Il suo numero, peraltro, è reso ancor più incredibile dal fatto che dopo la Redoute c'era ancora il gruppo compatto.

Solo contro il gruppo, ha vinto lui.

Che poi non vorrei dire, ma sulla Roche tiravano il secondo e il terzo dell'ultima Vuelta, non Pippo e Pluto. Lui in avanscoperta da 15 chilometri, loro sempre a ruota....e non gli hanno recuperato nulla.

Dietro pochi corridori avevano in canna un cambio di ritmo, nessuno un'azione per andare a riprenderlo.
(24-04-2022, 05:38 PM)And-L Ha scritto: [ -> ]se le altre squadre non avessero corso per il secondo posto potevano riprenderlo subito dopo la Roche aux Faucons, ai -10 sono arrivati a -17".

Ma se Higuita, Martinez e Teuns, appena ha spianato, hanno subito riperso cinque secondi in un amen Sweat

Vlasov, che ha provato a sfruttare quel momento, è tornato indietro subito.

Lui è uno dei primi tre cronoman al mondo, in quel tratto i Teuns e gli Higuita possono collaborare quanto vogliono che tanto non hanno chance di avvicinarsi a Remco.
(24-04-2022, 06:32 PM)Luciano Pagliarini Ha scritto: [ -> ]In pianura prima della Roche andava veramente al doppio rispetto a tutti gli altri.

Il suo numero, peraltro, è reso ancor più incredibile dal fatto che dopo la Redoute c'era ancora il gruppo compatto.

Solo contro il gruppo, ha vinto lui.

Che poi non vorrei dire, ma sulla Roche tiravano il secondo e il terzo dell'ultima Vuelta, non Pippo e Pluto. Lui in avanscoperta da 15 chilometri, loro sempre a ruota....e non gli hanno recuperato nulla.

Dietro pochi corridori avevano in canna un cambio di ritmo, nessuno un'azione per andare a riprenderlo.

certo che andava piu' forte, perche' tiravano solo i Bahrain, cioe' Caruso e Landa.
Sulla Roche ha tirato quasi sempre Mas e infatti gli hanno recuperato una 20" di secondi. Secondo me peraltro con quella gamba Remco se fosse partito sulla Roche avrebbe vinto ugualmente e rischiato meno.
Come detto gia' nel primo messaggio Remco era by far il piu' forte ma ha fatto un'azione molto rischiosa e nonostante fosse super, se dietro avessero corso meglio forse lo avrebbero ripreso perchè il gruppo era ancora relativamente folto e c'erano gregari da mettere alla frusta subito dopo la Redoute.
Mas non gli ha recuperato niente, gli hanno recuperato 15" coi cambi di ritmo consecutivi di Woods e Teuns, ma a quei cambi di ritmo non hanno saputo dare continuità.

E appena spianata ha ripreso a guadagnare e il suo vantaggio si è impennato.

Non vedo cosa potessero fare di più dietro, solo coi cambi di ritmo gli hanno rosicchiato qualcosa, ma sul passo lui era nettamente superiore.
(24-04-2022, 06:35 PM)Luciano Pagliarini Ha scritto: [ -> ]
(24-04-2022, 05:38 PM)And-L Ha scritto: [ -> ]se le altre squadre non avessero corso per il secondo posto potevano riprenderlo subito dopo la Roche aux Faucons, ai -10 sono arrivati a -17".

Ma se Higuita, Martinez e Teuns, appena ha spianato, hanno subito riperso cinque secondi in un amen Sweat

Vlasov, che ha provato a sfruttare quel momento, è tornato indietro subito.

Lui è uno dei primi tre cronoman al mondo, in quel tratto i Teuns e gli Higuita possono collaborare quanto vogliono che tanto non hanno chance di avvicinarsi a Remco.

nessuno ha la sfera di cristallo, ci sono stati momenti in cui la collaborazione è stata insufficiente o addirittura nulla nonostante non ci fosse nessun compagno di Remco (immaginatevi se ci fosse stato Alaphilippe in gruppo, sarebbe arrivato con 2' probabilmente). Quello che dico io, senza togliere nulla alla straordinaria prestazione, è che se avessero collaborato di piu' da dietro non so se sarebbe arrivato. Se invece fosse partito sulla Roche, era talmente piu' forte che avrebbe vinto senza rischiare l'azione da "lontano".

Comunque concordo che una volta scollinati sulla Roche la corsa era finita, ma con una gestione diversa tra le due cote qualcuno degli inseguitori forse sarebbe potuto rientrare in cima alla Roche.


(24-04-2022, 06:56 PM)Luciano Pagliarini Ha scritto: [ -> ]Mas non gli ha recuperato niente, gli hanno recuperato 15" coi cambi di ritmo consecutivi di Woods e Teuns, ma a quei cambi di ritmo non hanno saputo dare continuità.

E appena spianata ha ripreso a guadagnare e il suo vantaggio si è impennato.

Non vedo cosa potessero fare di più dietro, solo coi cambi di ritmo gli hanno rosicchiato qualcosa, ma sul passo lui era nettamente superiore.

come ho detto, piu' determinazione nell'inseguire tra le due cote. Poi è anche vero che col senno di poi è facile dirlo.
Prima della Roche c'era il gruppo compato, tiravano le squadre, e ciò andava tutto a vantaggio degli altri, che potevano risparmiarsi per l'azione sulla Roche.

La Roche l'hanno fatta dietro due come Haig e Mas.

In tutto questo non gli hanno ripreso un secondo. A quel punto mancava solo il momento degli scatti, che non sono stati sufficienti per avvicinarlo al punto di chiudere.

Una volta che un passista tra i primi tre al mondo scollina con 20" sugli inseguitori, non lo riprendi più. A meno che dietro non ci siano dei suoi simili, ma l'unico era Van Aert che è rientrato in un secondo momento.
Un grosso plauso va fatto a Vansevenant.
Remco ha una straordinaria capacità di recupero, su l'ultima salita gli hanno recuperato 15 secondi circa, ma non è un atleta che va in balia dell'acido lattico, anzi come se nulla fosse, si rimette a pedalare. Non si può dire che in salita, in questo caso su salite brevi sia il più forte, ma a differenza di tutti , tranne Pogacar, poi non lo riprendi più in quanto non risente minimamente dello sforzo fatto in salita, in pianura o sul falsopiano. Si conferma il fatto che deve correre libero.
Da mettere in evidenza anche una grande sicurezza in discesa e la grande padronanza del mezzo quando si trattava di piegare in curva senza perdere la velocità dello scorrimento e senza inibire il rilancio.

Troppa sbornia ancora ma prestazione che va analizzata bene bene.
Grande impresa
Non ricordo l ultimo che sia partito solo dalla redoute..
più rivedo il video... che spettacolo lo scatto che ha fatto
Pagine: 1 2 3 4