Il Nuovo Ciclismo
Jim Ochowitz (BMC) attacca: meno inviti, più sicurezza - Versione stampabile

+- Il Nuovo Ciclismo (https://www.ilnuovociclismo.com/forum)
+-- Forum: Ciclismo in Generale (https://www.ilnuovociclismo.com/forum/Forum-Ciclismo-in-Generale)
+--- Forum: Notizie in Generale (https://www.ilnuovociclismo.com/forum/Forum-Notizie-in-Generale)
+--- Discussione: Jim Ochowitz (BMC) attacca: meno inviti, più sicurezza (/Thread-Jim-Ochowitz-BMC-attacca-meno-inviti-pi%C3%B9-sicurezza)



Jim Ochowitz (BMC) attacca: meno inviti, più sicurezza - SarriTheBest - 27-05-2015

Jim Ochowitz (BMC) attacca: meno inviti, più sicurezza
«Ridurre il numero di squadre alle corse, premiare la qualità»

È una presa di posizione forte, ancorché discutibile, quella di Jim Ochowitz, presidente della BMC, che sula pagina web della sua squadra lancia proposte per cercare di ridurre il numero di cadute nelle grandi corse.

Ecco il suo intervento: «È diventato ridicolo continuare a vedere tutte le ecatombi di corridori sulle strade delle più grandi competizioni di ciclismo. Le 17 squadre di WorldTour sono tenute ogni anno a rispettare una serie di requisiti, come richiesto dalla UCI, al fine di ricevere la loro licenza. Uno di questi requisiti è di carattere finanziario. Le squadre che non fanno parte del WorldTour non sono tenute a rispettare obblighi finanziari altrettanto rigorosi e la maggior parte di queste nemmeno si avvicina a questi obblighi.

Squadre WorldTour come il BMC Racing Team non solo hanno la struttura finanziaria necessaria a posto, ma hanno anche partner importanti nel settore ciclismo Questi partner ci forniscono i migliori materiali disponibili e in quantità necessaria per affrontare una stagione lunga. Investiamo molto nella ricognizione dei percorsi di gara, ci assicuriamo che la nostra attrezzatura sia costantemente aggiornata in base alle esigenze e nei nostri team militano le più grandi stelle del nostro sport.
Ma alla fine, le squadre WorldTour sono costrette a disputare gare con 25 squadre in corsa nelle classiche in linea e con 22 squadre nelle corse a tappe. Ma oltre alle squadre WorldTour, qualcuno può dirmi qual è il processo di selezione di questi team invitati alle corse WorldTour?

Un passo importante per eliminare quella che sulle strade è diventata una carneficina, può essere la riduzione del numero di corridori in gara. In questo caso, l'UCI deve ridurre il numero delle squadre in gara e non il numero di corridori di ogni team alla partenza, come è stato invece proposto per le stagioni future.

Ci sono molte altre ragioni per spiegare il numero di incidenti che abbiamo visto in questa stagione. E queste ragioni dovrebbero essere affrontate. Ma prima, dobbiamo esaminare la qualità delle squadre invitate a partecipare agli eventi WorldTour. La selezione dovrebbe essere basata su qualità e prestazioni e non sulla politica. Nuovi criteri di scelta possono portarci verso la riduzione del pericolo e dei danni per i corridori durante la stagione agonistica. La sicurezza dei corridori deve essere la priorità numero uno per il futuro.

tuttobiciweb.it