Login Registrati Connettiti via Facebook



Non sei registrato o connesso al forum.
Effettua la registrazione gratuita o il login per poter sfruttare tutte le funzionalità del forum e rimuovere ogni forma di pubblicità invasiva.

Condividi:
All-INC Team 2018
#1
Una nazione, o una zona geografica, tre team da cinque corridori ciascuno, su modello degli All-NBA Team, più un All-INC U23 Team e un All-INC Junior Team. Ogni team deve avere al suo interno un uomo da corse a tappe, un velocista e un uomo da classiche. Gli altri due posti, invece, sono per due jolly che possono far parte di qualsiasi categoria. I ruoli, tuttavia, non sono presenti nei team U23 e Junior (come accade in NBA per i rookie team). Farò una nazione al giorno, oggi partiamo con l'Olanda.

All-INC First Team:

Tom Dumoulin - Steven Kruijswijk - Niki Terpstra - Dylan Groenewegen - Mathieu Van Der Poel

Qua non credo ci sia molto da spiegare. Dum si gioca la palma di miglior uomo da corse a tappe della stagione con Froome e Kruijswijk, che entra come jolly, è stato uno dei primi 6/7 interpreti dei GT nel 2018. Terpstra con la vittoria le vittorie a Fiandre, Le Samyn e Harelbeke e i podi alla Roubaix e alla Parigi - Tours è stato il miglior uomo da classiche del 2018. Groenewegen la spunta su Jakobsen per il posto da velocista grazie alle vittorie al Tour, mentre MVDP con i suoi sei successi in due mesi più il 2° posto all'Europeo è il secondo jolly.

All-INC Second Team:

Sam Oomen - Wout Poels - Bauke Mollema - Fabio Jakobsen - Wilco Kelderman

Kelderman ha avuto svariati problemi, ma ha comunque raccolto un 2° posto all'Abu Dhabi Tour, un 5° al Tour de Suisse e un 10° alla Vuelta (più top-10 a Tre Valli e Mi-To) e tanto basta per fare di lui il nostro uomo da corse a tappe. Mollema, in virtù della vittoria al Beghelli, del 2° posto a San Sebastian e della top-10 alla Freccia è il classicomane. Fabio Jakobsen con 7 vittorie da neo pro (e che vittorie!) è lo sprinter. Come jolly scelgo Oomen che non mi fa impazzire (imho ha pochi margini), ma quest'anno si è piazzato tanto e bene sia nelle corse a tappe WT che nelle grandi classiche e Poels che, al netto dei problemi, ha vinto 3 corse, ha fatto 2° ad Andalucia e Gran Bretagna e 12° al Giro.

All-INC Third Team:

Danny Van Poppel - Mike Teunissen - Antwan Tolhoek - Timo Roosen - Dylan Van Baarle

Tre vittorie e tantissimi piazzamenti permettono a DVP di qualificarsi come sprinter vincendo la concorrenza di Welten. Tolhoek con l'11° posto al Delfinato e il 13° al California è il nostro uomo da corse a tappe (più un grande Tour in supporto a Roglic e Kruijswijk), mentre Teuniessen con il 2° posto alla Dwars, il 18° al Fiandre e l'11° alla Roubaix è il nostro uomo da classiche. I jolly sono Van Baarle, campione olandese a crono, 5° all'Eneco e piazzato spesso e bene al nord, e Roosen, anch'egli ottimo al nord e in top-5 in entrambe le classiche canadesi.

Restano fuori corridori come Taco Van Der Hoorn (avesse corso tutta la stagione sarebbe entrato sicuro), Eenkhoorn e Welten...e questo la dice lunga sul livello del ciclismo olandese.

All-INC U23 Team:

Thymen Arensman - Julius Van Den Berg - Marten Kooistra - Kevin Inkelaar - Nils Eekhoff

Arensman ha fatto 2° all'Avenir e 3° alla Roubaix U23 (E ha vinto il Koppenbergcross!), Van Den Berg ha fatto un'ottima prima parte di stagione prima di passare pro, coronata dal 2° posto alla Roubaix U23, mentre Kooistra ha fatto anch'egli un super 2018 con tanto di 2° posto più vittoria di tappa all'Olympia's Tour e trionfo nella Parigi - Tours U23. Inkelaar ha fatto bene solo al GVDA, ma un 2° posto più vittoria di tappa GVDA basta per qualificarsi. Eekhoff lo preferisco a Marijn Van Den Berg (che mi piace di più come corridore) solo per il podio alla Parigi - Tours U23.

All-INC Junior Team:

Axel Van Der Tuuk - Enzo Leijnse - Olav Kooij - Rick Pluimers - Max Kroonen

Van Der Tuuk ha vinto 4 corse, tra cui Harelbeke Junior e Leijnse ha fatto molto bene nelle corse a tappe conquistando il Ruebiland. Kooij ha dominato La Coupe du President de la Ville de Grudziadz Juniors e tanto vale per metterlo dentro. Pluimers si qualifica grazie alla vittoria alla Menen - Menen e al 3° posto al GP Bob Jungels, mentre Kroonen vince la concorrenza di Wessel Krul grazie alla vittoria nel campionato nazionale in linea. Resta fuori anche Michielsen, nonostante abbia sfornato ottime prove a cronometro lungo tutta la stagione.
 
Rispondi


[+] A 3 utenti piace il post di Luciano Pagliarini
#2
Qualche anno fa quando parlavamo del movimento olandese lo mettevamo un gradino sotto ad altri ma in questo preciso momento storico sembrano essere, quantitativamente e qualitativamente, tra i migliori del lotto visti i nomi presenti nei team che hai messo. Tra l'altro molti di loro sono relativamente giovani, lo stesso Dumoulin anagraficamente potrebbe avere ancora 3-4 stagioni nel pieno del suo prime.

Dispiace che uno come Kruijswijk in termini di vittorie non abbia raccolto nulla, nemmeno in termini di tappe nei GT che di sicuro si meriterebbe.
 
Rispondi
#3
Francia

All-INC First Team

Romain Bardet - Julian Alaphilippe - Thibaut Pinot - Cristophe Laporte - Arnaud Demare

Beh Alaphilippe, con la stagione che ha fatto, è la scelta più ovvia come classicomane. Pinot e Bardet sono intercambiabili, hanno fatto, entrambi, delle stagioni eccellenti, dando, tuttavia, il meglio di loro nelle corse di un giorno e non nelle corse a tappe. Essendo stati, tuttavia, comunque i migliori corridori francesi nei grandi giri uno entra come uomo da corse a tappe e l'altro come jolly. Demare ha paddato vittorie al Poitou-Charentes, ma ha comunque fatto un'ottima stagione vincendo tre corse WT (inclusa una tappa al Tour) e piazzandosi sul podio a Sanremo, Kuurne e Gand. Come secondo jolly entra Laporte che nel 2018 ha vinto sei corse, incluso il Tro-Bro Léon.

All-INC Second Team

Pierre Latour - Hugo Hofstetter - Tony Gallopin - Nacer Bouhanni - Alexandre Geniez

Latour ha vinto la bianca al Tour e si è piazzato tanto e bene nelle brevi corse a tappe, con l'highlight del 3° posto al Catalunya, per le gare a tappe premiamo lui. Bouhanni era partito malissimo, ma nelle seconda parte di stagione ha vinto 6 corse inclusa una tappa alla Vuelta, dunque scelgo lui come sprinter. Hofstetter ha vinto una sola corsa, ma nelle gare in linea del calendario europeo ha ottenuto una sfilza di piazzamenti da far paura (ve li linko che facciamo prima: http://firstcycling.com/rider.php?r=32892 ), lui è l'uomo da classiche del 2nd team. Come jolly abbiamo Gallopin, vincitore dell'Etoile, 2° in Provenza e 11° con vittoria di tappa alla Vuelta, e Geniez, che da scalatore si è evoluto in corridore dotato di spunto veloce che vince tanto e bene, che ha vinto Marsigliese, Provenza e una tappa alla Vuelta.

All-INC Third Team

Marc Sarreau - Arthur Vichot - Jonathan Hivert - Anthony Roux- Valentin Madouas

Marc Sarreau vince la concorrenza di Coquard per il ruolo di sprinter, grazie al maggior numero di successi ottenuti (5 contro 3). Vichot, in virtù della vittoria all'Ain e della top-10 al Tour de Suisse, è il nostro uomo da corse a tappe. Roux grazie al successo nel campionato nazionale e al 3° posto a San Sebastian entra nel team come classicomane. Hivert con le vittorie all'Haut Var (entrambe le tappe e, ovviamente, la generale) e il successo nella terza frazione della Parigi - Nizza si conquista il primo posto da jolly, mentre il secondo va Madouas che ha fatto una stagione ricca di piazzamenti coronata con la vittoria nella Parigi - Bourges.

All-INC U23 Team

Clement Champoussin - Damien Touze - Aurelien Paret Peintre - Alan Riou - Nicolas Prodhomme

Champoussin prima scelta assoluta, grazie al 5° posto all'Avenir, il 2° al Routa d'Oro e il 3° al Piccolo Lombardia. Touze ha vinto 5 corse, inclusa una tappa all'Avenir in cui è stato anche maglia verde. A.P.P. ha fatto metà stagione tra gli U23, piazzandosi 2° all'Isard e 7° alla Corsa della Pace. Riou ha vinto 10 corse inclusa una tappa all'Avenir.  Prodhomme è stato grande protagonista nelle corse di un giorno, è arrivato 8° alla Roubaix U23, 4° al Piccolo Lombardia e ha vinto la Bassano - Monte Grappa.

All-INC Junior Team:

Valentin Retailleau - Hugo Pagé - Alex Baudin - Raphael Da Costa Barros - Victor Guernalec & Tom Mainguenaud

Retailleau ha vinto 5 corse inclusa la classifica finale della Tour de Gironde Juniors. Hugo Pagé ha vinto la Bernaudeau Juniors, il Tour des Portes e una tappa al Pays de Vaud. Baudin ha conquistato tre gare, due frazioni alla Valromey Juniors e una al Pais de Vaud. Da Costa Barros ha vinto la tappa regina e la maglia dei GPM alla Valromey Juniors ed è giunto 7° al Giro del Nordest d'Italia (4° nella tappa regina). L'ultimo posto se lo spartiscono Guernalec e Mainguenaud in virtù del secondo posto del primo alla Ronde des Vallées Juniors e del secondo posto del secondo al Tour de Gironde Juniors.
 
Rispondi


[+] A 1 utente piace il post di Luciano Pagliarini
#4
Forse avrei trovato un posto ad Anthony Roux, che tra giugno e agosto ha avuto tre mesi super.
 
Rispondi
#5
Me lo ero dimenticato.

Lo metto come classicomane al posto di Calmejane nel third team.
 
Rispondi
#6
Sai dirmi chi sono i corridori principali rimasti fuori? Così a occhio mi sembra un livello più basso rispetto a quello olandese
 
Rispondi
#7
Il livello è più basso.

Anche perché Barguil e Coquard hanno steccato completamente la stagione e Gaudu è venuto fuori solo a settembre.

La Francia ha dalla sua la profondità, ma l'Olanda come qualità è mezzo scalino sopra.
 
Rispondi
#8
Oggi ho avuto un po' di casini, ma non preoccupatevi che domani continuo.
 
Rispondi
#9
Belgio

ALL-INC First Team

Tim Wellens - Greg Van Avermaet - Jasper Stuyven - Dylan Teuns - Tiesj Benoot

Gli uomini da corse a tappe sono un po' il punto debole del Belgio (aspettando Remco e Lambrecht), alla fine il migliore, in questa tipologia di gare, è stato Wellens che ha vinto Vallonia e Andalucia, è arrivato 5° alla Parigi - Nizza e 3° al Binckbanck Tour. 2018 nettamente inferiore al 2017 per GVA, ma nelle classiche ha ottenuto, comunque, una sfilza di ottimi piazzamenti (3° ad Harelbeke, 8° alla Dwars, 5° al Fiandre, 4° alla Roubaix, 4° a San Sebastian, 2° al Quebec e 3° a Montreal). Stuyven entra come sprinter, nonostante sia ben di un semplice velocista, per via della scarsa concorrenza. Infine, come jolly abbiamo Benoot, forte di un'ottima primavera coronata con la vittoria alla Strade Bianche e Teuns che vince la concorrenza di WVA grazie al podio al Lombardia.

ALL-INC Second Team

Ben Hermans - Wout Van Aert - Oliver Naesen - Philippe Gilbert - Timothy Dupont

Hermans con la vittoria al Giro d'Austria e al Tour of Utah si guadagna il posto da uomo da corse a tappe. Un costante, ma nel 2018 poco vincente, Dupont è il nostro velocista anche e sopratutto per manca di alternative. WVA, Naesen e Gilbert sono intercambiabili come jolly e classicomane. Gilbert entra nel 2nd team grazie, soprattutto, ai podi ad Harelbeke e Fiandre. Naesen è stato sfortunato durante la campagna del nord, ma si è rifatto nel finale di stagione, vincendo pure Plouay. WVA ha fatto un'ottima primavera e si è tolto pure lo sfizio di vincere il Danimarca.

ALL-INC Third Team

Yves Lampaert - Jelle Vanendert - Jens Debusschere - Bjorg Lambrecht - Victor Campenaerts

Lampaert, grazie alle vittorie alla Dwars e al campionato nazionale belga, è il nostro classicomane. Lambrecht è arrivato nei 20 al TDS, al Polonia e ai Baschi, mentre si è piazzato al secondo posto ai Fiordi, percui premiamo lui come uomo da corse a tappe. Debusschere è lo sprinter per reale mancanza di alternative. Come jolly abbia Vanendert, che ha fatto una delle migliori stagioni della carriera grazie al 3° posto alla Freccia e al ritorno alla vittoria 7 anni dopo l'ultima volta (nella 4° tappa del Giro del Belgio ndr.), e Campenaerts che si qualifica per via della vittoria nell'Europeo a crono e del 3° posto nella prova contro il tempo Mondiale.

ALL-INC U23 Team

Jasper Philipsen* - Stan Dewulf - Julian Mertens - Brent Van Moer - Gerben Thijssen

Philipsen e Dewulf sopra tutti, il primo ha fatto una grande stagione vincendo anche al Giro U23 e allo Utah, mentre il secondo ha fatto ancora meglio, conquistando, tre le altre corse, una durissima Roubaix U23. Mertens ha fatto un'ottima prima parte di stagione, arrivando sul podio alla Ronde de l'Isard e piazzandosi nei 10 in molte corse di un giorno prestigiose. Van Moer è arrivato sul podio alla Het Volk U23 junior e al Mondiale a crono, inoltre, si è piazzato nei 10 anche alla Roubaix U23. Gerben Thijssen ha vinto meno di quello che si pensava, ma in volata si è piazzato tanto e bene e tanto gli basta per qualificarsi.

ALL-INC Junior Team

Remco Evenepoel - Ilan Van Wilder - Xandres Vervloesem - Steven Pattyn - Robbe Claeys

Evenepoel vabbé. Van Wilder è stato il secondo miglior junior della stagione dopo Remco, con una quantità enorme di ottimi risultati. Vervloesem è stato un borderline top-5 della stagione, con le perle del 4° posto al Lunigiana e del 3° al General Patton. Pattyn altro grande protagonista dell'annata appena conclusa, con highlight come la vittoria nel tappone dell'Oberosterreich e il 2° posto al Paganessi. Per l'ultimo posto premiamo Robbe Claeys che ha fatto meno risultati di alto livello di altri, ma ha vinto una delle classiche più prestigiose della categoria quale la Philippe Gilbert Junior.

* Gli Axeon li considererò sempre tra gli U23 e non tra i pro.
 
Rispondi
#10
Ora sono senza wifi, forse in serata riesco a fare la puntata odierna.
 
Rispondi
  


Vai al forum:


Utente(i) che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)