Login Registrati Connettiti via Facebook



Non sei registrato o connesso al forum.
Effettua la registrazione gratuita o il login per poter sfruttare tutte le funzionalità del forum e rimuovere ogni forma di pubblicità invasiva.

Condividi:
Giro in TV: discreti gli ascolti, male il "Processo", ma dove sono le novità ?
#1
Non decollano gli ascolti de "Il Processo": trasmissione brutta e senz'anima
Criticare il “Processo alla Tappa” edizione 2011 è decisamente troppo facile. Una trasmissione può essere anche brutta, ma deve avere una propria anima. In questi anni abbiamo visto tante trasmissioni trash e magari neppure troppo seguite dal pubblico, ma raramente abbiamo incontrato trasmissioni così inutili, senza una loro anima. Oggi, vogliamo sorvolare sulla conduzione, e concentrare l’attenzione su ospiti, argomenti e scaletta di questo programma.

Il pubblico che segue il Giro d’Italia è composto dagli appassionati delle due ruote e dalle casalinghe. Nella scrittura della trasmissione, si dovrebbe tenere conto di questo importante aspetto. Invece, sembra che “il Processo alla Tappa” di quest’anno sia solo l’insieme di parti disomogenee tra loro. Pensiamo a quanto è noioso lo spazio dedicato ai 150 anni dell’Unità d’Italia, oppure quanto sia slegato dal contesto sportivo l’angolo di Vittorio Zinconi. Pensiamo anche a come venga mitizzato Eddy Merckx, un grande campione, che però come opinionista ci sembra decisamente in difficoltà. Questo “Processo” non si rivolge né agli appassionati di ciclismo né alle casalinghe che puntualmente, dopo l’arrivo della tappa, migrano dal Giro d’Italia a Barbara D’Urso.

Facendo zapping ci siamo imbattuti su di un altro canale, dove si parlava di un argomento decisamente trasch: dei presunti tradimenti di un ex concorrente del Grande Fratello e questo ci ha spinto ad una riflessione. Se “Il Processo alla Tappa” trattasse argomenti importanti, come il Giro d’Italia, allo stesso modo in cui Canale 5 tratta un argomento inutile e banale come “Il Grande Fratello”, il nostro amato sport andrebbe meglio e i dati auditel sicuramente non sarebbero drammatici come sono oggi.


Giro in diretta Giro all'Arrivo Media Processo
07-mag 1014000 9,12% 1321000 13,80% 1167500 11,46% 897000 10,18%
08-mag 836000 5,72% 1180000 9,46% 1008000 7,59% 632000 5,72%
09-mag 750000 6,54% 1069000 10,64% 909500 8,59% 1297000 13,24%
10-mag 758000 8,03% 860000 9,67% 809000 8,85% 720000 7,54%
11-mag 828000 8,73% 1208000 13,19% 1018000 10,96% 653000 7,40%
12-mag 634000 5,99% 1015000 10,48% 824500 8,24% 471000 5,08%
13-mag 984000 9,35% 1505000 15,33% 1244500 12,34% 660000 7,37%
14-mag 976000 8,06% 1497000 13,74% 1236500 10,90% 766000 8,14%
15-mag 1375000 7,73% 2247000 14,04% 1811000 10,89% 964000 6,73%
17-mag 970000 8,94% 1245000 12,96% 1107500 10,95% 715000 7,23%
18-mag 939000 8,49% 1445000 15,06% 1192000 11,78% 598000 6,93%
 
 
Rispondi
#2
la de stefano non si sopporta più! Nono
 
Rispondi
#3
La De Stefano dimostra che nn sa condurre una trasmissione non fa domande pungenti e anche un po ignoranti, manca il Galeazzi o il Fusco che sapevano tenere i toni della discussione sempre alti. Sisi manca anche Gigi Sgarbozza almeno c'era anche l'angolo della comicità che in una trasmissione come il processo è sempre accettata di buon grado dal pubblico. Speriamo che con l'arrivo delle montagne con la corsa che si infiamma si infiammi anche il Processo.
 
Rispondi
#4
Ma il problema è sempre il solito, l'italiano medio guarda la tappa del Giro d'Italia e poi torna alla vita di tutti i giorni ingozzandosi delle cazzate della D'Urso o del Grande Fratello, ma sopprattutto interessa solamente quando c'è un caso doping o una strage, vedesi il 13.24 % nella tappa di Rapallo.
 
Rispondi
#5
La De Stefano comunque secondo me è molto meglio come conduttrice che come intervistatrice, poi secondo me la colpa del poco share del processo è da attribuire a tutte le cavolate sull'unità d'Italia e ad alcuni ospiti veramente insopportabili, come il tipo della gazzetta. Inoltre come ha detto terateo, noi rivogliamo Sgarbozza, che ci fà fare un po'di risate.
 
Rispondi
#6
(19-05-2011, 08:16 PM)Luciano Pagliarini Ha scritto: La De Stefano comunque secondo me è molto meglio come conduttrice che come intervistatrice, poi secondo me la colpa del poco share del processo secondo me è da attribuire a tutte le cavolate sull'unità d'Italia e ad alcuni ospiti veramente insopportabili, come il tipo della gazzetta.

Questo secondo te naturalmente...
Asd Asd Asd
 
Rispondi
#7
(19-05-2011, 08:28 PM)ManuelDevolder Ha scritto:
(19-05-2011, 08:16 PM)Luciano Pagliarini Ha scritto: La De Stefano comunque secondo me è molto meglio come conduttrice che come intervistatrice, poi secondo me la colpa del poco share del processo secondo me è da attribuire a tutte le cavolate sull'unità d'Italia e ad alcuni ospiti veramente insopportabili, come il tipo della gazzetta.

Questo secondo te naturalmente...
Asd Asd Asd

Asd

Però secondo me (Asd) ha ragione Sisi
 
Rispondi
#8
Aldilà della conduttrice,è la qualità del prodotto che è altamente scarsa.E' un Processo superficiale,si vogliono toccare 100 argomenti,e ovviamente lo si fa in fretta e furia.
Troppi ospiti,il 60% inutili.
Gli unici momenti interessanti diventano la "Moviola" di Martinello,e MotoScopa,null'altro.
Interviste ai corridori sempre di corsa,rubriche inutili come quelle del Corriere,quella dei 150 secondi e quella dei 150 anni,perchè sinceramente preferirei più tempo dedicato ai corridori,o magari al Ciclismo del passato.

Servirebbero Paolo Belli e Sgarbozza,che tengono a galla il Si Gira della mattina,anch'esso impiastrato con alcune "presenze",prima su tutte quella della Fondazione Veronesi,decisamente odiosa...

E non dimentichiamoci l'assenza di Gianni Mura!
 
Rispondi
#9
(19-05-2011, 09:59 PM)dani the killer Ha scritto: Aldilà della conduttrice,è la qualità del prodotto che è altamente scarsa.E' un Processo superficiale,si vogliono toccare 100 argomenti,e ovviamente lo si fa in fretta e furia.
Troppi ospiti,il 60% inutili.
Gli unici momenti interessanti diventano la "Moviola" di Martinello,e MotoScopa,null'altro.
Interviste ai corridori sempre di corsa,rubriche inutili come quelle del Corriere,quella dei 150 secondi e quella dei 150 anni,perchè sinceramente preferirei più tempo dedicato ai corridori,o magari al Ciclismo del passato.

Servirebbero Paolo Belli e Sgarbozza,che tengono a galla il Si Gira della mattina,anch'esso impiastrato con alcune "presenze",prima su tutte quella della Fondazione Veronesi,decisamente odiosa...

E non dimentichiamoci l'assenza di Gianni Mura!

Beh oddio, secondo me( l'ho già secondo me Huh , forse si Asd ) Gianni Mura è un grandissimo scrittore, ma come opinionista era inutile faceva solo interventi scontati Sisi , poi quando lo mettevano sul trono era odioso; comunque su Sgarbozza e Belli ti do ragione; anzi secondo me su Sgarbozza e Belli hai ragione.

 
Rispondi
#10
non è solo il processo che fa schifo, tutti i programmi rai del giro fanno schifo. sigira è una barzelletta, parlano solo di cazzate e di poesie. il processo non processa niente, e tgiro avevano detto che si collegavano agli alberghi dei corridori ma fino ad ora non ho visto niente di tutto ciò
 
Rispondi
  


Vai al forum:


Utente(i) che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)