Login Registrati Connettiti via Facebook



Non sei registrato o connesso al forum.
Effettua la registrazione gratuita o il login per poter sfruttare tutte le funzionalità del forum e rimuovere ogni forma di pubblicità invasiva.

Condividi:
Presidential Cycling Tour of Turkey 2011
#1
Trophy 
24 Aprile - 1° Maggio 2011
Presidential Cycling Tour of Turkey


Le Tappe:

24 Aprile, 1^ tappa: Istanbul-Istanbul, 121km

[Immagine: stage1.gif]

25 Aprile, 2^ tappa: Kusadasi-Tugurgreis, 181km

[Immagine: stage2.gif]

26 Aprile, 3^ tappa: Bodrum-Marmaris, 166km - Risultati

[Immagine: stage3.gif]

27 Aprile, 4^ tappa: Marmaris-Pamukkale, 209km - Risultati

[Immagine: stage4.gif]

28 Aprile, 5^ tappa: Denizli-Fethiye, 221km - Risultati

[Immagine: stage5.gif]

29 Aprile, 6^ tappa: Fethiye-Finike, 191km

[Immagine: stage6.gif]

30 Aprile, 7^ tappa: Tekirova-Manangat, 135km

[Immagine: stage7.gif]

1° Maggio, 8^ tappa: Side-Alanya, 160km

[Immagine: stage8.gif]


I Partecipanti:

Team Garmin - Cervelo
GRM USA
Director: FERNANDEZ Bingen
1 Tyler FARRAR
2 Julian DEAN
3 Murillo Antonio FISCHER
4 Brett Daniel LANCASTER
5 Travis MEYER
6 Ramunas NAVARDAUSKAS
7 Thomas PETERSON
8 Sep VANMARCKE

Omega Pharma - Lotto
OLO BEL
Director: HEYNDERICKX Jean-Pierre
11 André GREIPEL
12 Kenny DE HAES
13 Jens DEBUSSCHERE
14 Adam HANSEN
15 Olivier KAISEN
16 Vicente REYNES MIMO
17 Marcel SIEBERG
18 Sven VANDOUSSELACRE

Lampre - ISD
LAM ITA
Director: VICINO Bruno
21 Alessandro PETACCHI
22 Vitaliy BUTS
23 Vitaliy KONDRUT
24 Denis KOSTYUK
25 Dmytro KRIVTSOV
26 Enrico MAGAZZINI
27 Aitor PEREZ ARRIETA
28 Balint SZEGHALMI

Liquigas-Cannondale
LIQ ITA
Director: CONTE Biagio
31 Francesco BELLOTTI
32 Timothy DUGGAN
33 Jacopo GUARNIERI
34 Juraj SAGAN
35 Elia VIVIANI
36 Cameron WURF

Saxo Bank SunGard
SBS DEN
Director: GATES Nick
41 Matteo TOSATTO
42 Manuele BOARO
43 Laurent DIDIER
44 Lucas Sebastien HAEDO
45 Jonas Aaen JORGENSEN
46 Kasper KLOSTERGAARD LARSEN
47 Gustav LARSSON
48 Jaroslaw MARYCZ

Pro Team Astana
AST KAZ
Director: SHEFER Alexander
51 Allan DAVIS
52 Assan BAZAYEV
53 Alexandr DYACHENKO
54 Valentin IGLINSKIY
55 Roman KIREYEV
56 Yevgeniy NEPOMNYACHSHIY
57 Sergey RENEV
58 Andrey ZEITS

Cofidis le Crédit en Ligne
COF FRA
Director: JONROND Jean Luc
61 Nicolas VOGONDY
62 Yohan BAGOT
63 Nicolas EDET
64 Julien FOUCHARD
65 Kevin ISTA
66 Damien MONIER
67 Romain ZINGLE

FDJ
FDJ FRA
Director: MADIOT Yvon
71 Sandy CASAR
72 Nacer BOUHANNI
73 Francis MOUREY
74 Rémi PAURIOL
75 Thibaut PINOT
76 Anthony ROUX
77 Wesley SULZBERGER
78 Artur VICHOT

Colnago - CSF Inox
COG IRL
Director: LANZONI Giuseppe
81 Manuel BELLETTI
82 Marco FRAPPORTI
83 Paolo LOCATELLI
84 Omar LOMBARDI
85 Sacha MODOLO
86 Angelo PAGANI
87 Andrea PASQUALON

Androni Giocattoli
AND ITA
Director: ELLENA Giovanni
91 Francesco GINANNI
92 Luca BARLA
93 Riccardo CHIARINI
94 Giairo ERMETI
95 Roberto FERRARI
96 Antonio SANTORO
97 Luca SOLARI

Veranda's Willems-Accent
VWA BEL
Director: VAN IMPE Lucien
101 Stefan VAN DIJCK
102 Wim DE VOCHT
103 Jempy DRUCKER
104 Rob GORIS
105 Jurgen VAN GOOLEN
106 Jacobus VENTER
107 Evert VERBIST

Farnese Vini - Neri Sottoli
FAR GBR
Director: GIULIANI Stefano
111 Oscar GATTO
112 Alessandro BISOLTI
113 Elia FAVILLI
114 Andrea GUARDINI
115 Takashi MIYAZAWA
116 Andréa NOE
117 Lubos PELANEK
118 Matteo RABOTTINI

Team NetApp
APP GER
Director: POITSCHKE Enrico
121 Leopold KÖNIG
122 Jan BARTA
123 Eric BAUMANN
124 Jesus DEL NERO
125 Bartosz HUZARSKI
126 Andreas SCHILLINGER
127 Timon SEUBERT

Team Spidertech Powered by C10
CSM CAN
Director: BAUER Steve
131 Svein TUFT
132 Ryan ANDERSON
133 Lucas EUSER
134 Bruno LANGLOIS
135 Jonathan Patrick MCCARTY
136 Francois PARISIEN
137 Will ROUTLEY

De Rosa - Ceramica Flaminia
DER IRL
Director: TABAI Marco Guiseppe
141 Damiano MARGUTTI
142 Filippo BAGGIO
143 Cristiano BENENATI
144 Giorgio BRAMBILA
145 Sergio LAGANA
146 Michele MERLO
147 Fabio PISCOPIELLO
148 Gianfranco VISCONTI

Caja Rural
CJR ESP
Director: GOIKOETXEA Eugenio
151 Egoitz GARCÍA ECHEGUIBEL
152 Oleg CHUZHDA
153 Rubén MARTINEZ HERNANDEZ
154 Diego MILAN JIMENEZ
155 Arturo MORA ORTIZ
156 Ruben REIG CONEJERO
157 Igor ROMERO ETXEBARRIA
158 Alexander RYABKIN

Skil-Shimano
SKS NED
Director: KEMNA Rudi
161 Kenny Robert VAN HUMMEL
162 Thomas BONNIN
163 Robin CHAIGNEAU
164 Feng HAN
165 Yann HUGUET
166 Albert TIMMER
167 Ronan VAN ZANDBEEK
168 Tom VEELERS

Team Type 1 - Sanofi Aventis
TT1 USA
Director: DAVIDENKO Vassili
171 Rubens BERTOGLIATI
172 Lazlo BODROGI
173 Daniele CALLEGARIN
174 Alexander EFIMKIN
175 Andréa GRENDENE
176 Valeryi KOBZARENKO
177 Jure KOCJAN
178 Martijn VERSCHOOR

Colombia es Passion - Café de Colombia
CEP COL
Director: SALDARRIAGA Luis
181 Juan Pablo FORERO CARRERO
182 Luis Felipe LAVERDE JIMENEZ
183 Andres MARTINEZ MONTERO
184 Hector Leonardo PAEZ LEON
185 Jarlinson PANTANO GÓMEZ
186 Victor Hugo PENA GRISALES
187 HUGO SEBASTIAN SALAZAR CASTANEDA
188 Juan VILLEGAS

Andalucia Caja Granada
ACG ESP
Director: DEVECCHI Fernando Nestor
191 Jose Alberto BENITEZ ROMAN
192 David BERNABEU ARMENGOL
193 Antonio CABELLO BAENA
194 Juan Jose LOBATO DEL VALLE
195 Manuel ORTEGA OCANA
196 Adrian PALOMARES VILLAPLANA
197 Jose Luis ROLDAN CARMONA
198 Eloy RUIZ PINTO

Manisaspor Cycling Team
MNS TUR
Director: ZELE Luka
201 Jeremy YATES
202 Ahmet AKDILEK
203 Andi BAJC
204 Marek CANECKY
205 Fatih HARMANCI
206 Gabor KASA
207 Bünyamin OZDEMIR
208 Dean PODGORNIK
Konya Torku Seker Spor - Vivelo

KTS TUR
Director: KOLEV Todor
211 Danail ANDONOV PETROV
212 Evgeni GERGANOV
213 Mirac KAL
214 Eyup KARAGOBEK
215 Vladimir KOEV
216 Daniel PETROV
217 Mustafa SAYAR
218 Svetoslav TCHANLIEV KIRILOV


Sito Web della Corsa: www.tourofturkey.org
 
Rispondi
#2
Si preannuncia un ottimo cast per il Tour of Turkey
Il salto a corsa Hors Categorie gioverà sicuramente al Tour of Turkey, corsa a tappe turca che si terrà appena una settimana prima del Giro d'Italia: già da un paio d'anni la partecipazione era notevolmente aumentata, sotto il profilo della qualità, e nel 2011 la tendenza dovrebbe confermarsi, visto che sul sito ufficiale della corsa appaiono i nomi delle 22 squadre che parteciperanno all'evento:

Pro Tour
Team Garmin-Cervélo
Omega Pharma-Lotto
Lampre-ISD
Liquigas-Cannondale
Saxo Bank SunGard
Pro Team Astana

Professional
Cofidis Le Crédit en ligne
FDJ
Colnago-CSF Inox
Androni Giocattoli
Veranda's Willems-Accent
Farnese Vini - Neri Sottoli
Team Netapp
Team SpiderTech powered by C10
De Rosa-Ceramica Flamina
Caja Rural
Skil Shimano
Team Type 1
Colombia Es Pasion-Café de Colombia
Andalucia Caja Granada

Continental
Manisaspor Cycling Team
Konya - Torku Seker Spor - Vivelo

cicloweb.it
 
Rispondi
#3
TURCHIA. Giro spettacolare con super sfida tra gli sprinter
Il 47 ° Presidential Tour of Turkey è stato ufficialmente presentato a Istanbul. Il presidente della Federazione Ciclistica turco Emin Müftuoglu e il direttore di corsa Abdurrahman Açikalin hanno illustrato l'unica gara al mondo che collega due continenti e che si svolgerà dal 24 aprile al 1 maggio lungo la rive del Bosforo, l'Egeo e il Mar Mediterraneo.
Un cambiamento di data - due settimane più tardi rispetto alle ultime tre edizioni - ha facilitato la partecipazione di corridori reduci dalle classiche fiamminghe e di altri che si preparano per il Giro d'Italia.
Sei squadre Pro, 14 squadre Pro Continental si allineeranno a Istanbul con due squadre di nuova costituzione, le continental turche Team Manisaspor e Konya-Torku Seker Spor-Vivelo.
Il percorso ricalca quello dell'anno scorso con la quarta tappa a Pamukkale indicata come la più difficile: in questo sito, patrimonio mondiale dell'UNESCO, hanno vinto finora Giovanni Visconti, David Moncoutié e Tejay van Garderen.
Di grande spessore la lotta tra gli sprinter che inizierà sin dal via di Istanbul: tra gli iscritti ci sono infatti Alessandro Petacchi (Lampre Isd), Andre Greipel (Omega Pharma Lotto), Tyler Farrar (Garmin Cervelo), Allan Davis (Astana), Elia Viviani e Jacopo Guarnieri (Liquigas-Cannondale), Manuel Belletti (Colnago-CSF), Andrea Guardini (Neri-Farnese Vini), Kenny van Hummel (Skil-Shimano) e Bouhanni Nacer (FDJ).
Per la vittoria assoluta, sulla carta si batteranno Gustav Larsson (Saxo Bank-SunGard), Andrew Talansky (Garmin-Cervelo), Nicolas Vogondy (Cofidis), Sandy Casar e Anthony Roux (FDJ), Francesco Ginanni (Androni Gioccatoli), Svein Tuft (Spidertech) e Tadej Valjavec (Manisaspor).

Le tappe
Stage 1: Istanbul-Istanbul, 121km, Sunday 24 April
Stage 2: Kusadasi-Tugurgreis, 181km, Monday 25 April
Stage 3: Bodrum-Marmaris, 166km, Tuesday 26 April
Stage 4: Marmaris-Pamukkale, 209km, Wednesday 27 April
Stage 5: Denizli-Fethiye, 221km, Thursday 28 April
Stage 6: Fethiye-Finike, 191km, Friday 29 April
Stage 7: Tekirova-Manangat, 135km, Saturday 30 April
Stage 8: Side-Alanya, 160km, Sunday 1 May

Le squadre
Team Garmin-Cervélo (Tyler Farrar, Andrew Talansky)
Omega Pharma-Lotto (Andre Greipel)
Saxo Bank-Sungard (Gustav Larsson, Jaroslaw Marycz)
Team Astana (Allan Davis, Assan Bazayev)
Lampre-ISD (Alessandro Petacchi)
Liquigas-Cannondale (Elia Viviani, Jacopo Guarnieri)
Cofidis (Nicolas Vogondy, Damien Monier)
FDJ (Sandy Casar, Anthony Roux)
Colnago-CSF (Manuel Belleti, Sasha Modolo)
Androni-Giocattoli (Francesco Ginnani)
Farnese Vini-Neri Sottoli (Andrea Guardini, Oscar Gatto)
Team Netapp (Eric Baumann)
De Rosa-Ceramica Flaminia (Michele Merlo)
Andalucia-Caja Granada (Juan-Jose Lobato)
Spidertech (Svein Tuft, Kevin Lacombe)
Caja Rural (Aïtor Galdos)
Skil-Shimano (Kenny Van Hummel, Mitchell Docker)
Verandas Willems-Acccent (Stefan Van Dijk, Jürgen Van Goolen)
Team Type 1 (Rubens Bertogliati, Jure Kocjan)
Colombia es Pasion (Victor-Hugo Pena, Juan-Pablo Forero)
Team Manisaspor (Tadej Valjavec, Jeremy Yates)
Konya-Torku Seker Spor-Vivelo (Danial Andonov Petrov, Eyup Karagöbek)

Info su http://www.tourofturkey.org

tuttobiciweb.it
 
Rispondi
#4
Greipel torna sul "luogo del delitto"
Insieme a Giovanni Visconti, leader della classifica generale, Andre Greipel con le sue cinque vittorie di tappa è stato la stella più luminosa del Presidential Tour of Turkey 2010.
Un quarto del suo bottino della stagione scorsa l'ha raccolto proprio in Turchia.
Passato dalla HTC-Columbia alla Omega Pharma-Lotto, il forte velocista soprannominato il “gorilla” ha deciso di tornare a Istanbul per ripetere il successo, anzi i successi, della scorsa edizione.
“Il Giro di Turchia è per me un bellissimo ricordo ”, ha detto Greipel alla partenza della Parigi –Roubaix, che ha concluso 21°, dopo esser stato per buona parte della corsa davanti.
“Fu una settimana fantastica: vinsi il prologo a Istanbul (al posto del quale quest’anno ci sarà una tappa in linea, ndr) e quattro tappe. Ci ritorno con grande piacere, ma con uno spirito diverso. Quest’anno vesto una nuova maglia e devo ancora trovare il miglior feeling con i miei compagni di squadra. Servono tanto lavoro, tante corse e tante volate per creare la fusione perfetta tra tutti i corridori che devono essere davanti nel finale per lanciarmi al meglio. Anche per questo torno volentieri in Turchia. La gara ricalca quasi del tutto quella dell’anno scorso, parto avvantaggiato rispetto ad altri miei avversari perchè so cosa mi aspetta”.
Greipel non sarà l’unico grande velocista a prendere il via in questa edizione del Giro di Turchia.
A giocarsi le volate ci saranno Tyler Farrar (Garmin-Cervélo), Andrea Guardini (Farnese Vini-Neri Sottoli) e Allan Davis (Astana), che scopriranno per la prima volta questa corsa; ritornano inoltre Alessandro Petacchi (Lampre-ISD), che la disputò alla grande con la Milram nel 2008, ed Elia Viviani (Liquigas-Cannondale), che vinse la 7^ tappa con arrivo ad Antalya nel 2010 al suo debutto nella massima categoria.
“Il livello dei velocisti con cui mi dovrò confrontare è più alto rispetto all’anno scorso, ciò significa che ogni vittoria di tappa sarà ancora più prestigiosa” ha sottolineato Greipel.
“A luglio prenderò parte per la prima volta al Tour de France. Io e i miei compagni di squadra dovremo essere pronti e conoscerci l’un l’altro perfettamente prima della partenza di Vendée. Per questo il Giro di Turchia è un appuntamento cruciale nel mio calendario. L'anno scorso alla conclusione ero in formissima, allo stesso modo quest'anno voglio raggiungere la migliore condizione possibile e, in più fare in modo di organizzare al meglio il mio treno”.
Greipel potrà fare affidamento su una Omega Pharma-Lotto composta da uomini completi e d'esperienza, che saranno in grado di lanciargli le volate che il Presidential Tour of Turkey offrirà dalla partenza di Istanbul il prossimo 24 aprile al finale di Alanya il 1° maggio.

Questa la formazione della Omega Pharma-Lotto per il Giro di Turchia: Andre Greipel (Ger), David Boucher (Fra), Jens Debusschere (Bel), Kenny De Haes (Bel), Olivier Kaisen (Bel), Vicente Reynes (Esp), Marcel Sieberg (Ger), Sven Vandousselaere (Bel).

Per maggiori informazioni, consultare il sito http://www.tourofturkey.org"

tuttobiciweb.it
 
Rispondi
#5
TURCHIA. Farrar al Giro per preparare... il Giro
Dopo il trionfo di Johan van Summeren alla Parigi-Roubaix, la Garmin-Cervélo vuole allungare la sua scia vincente. La scelta degli uomini schierati dal team americano, alla sua prima partecipazione al Giro di Turchia, dimostra le sue grandi ambizioni per questo evento. Corridori per lo più giovani affiancheranno il grande velocista Tyler Farrar, che ha la chiara ambizione di ben figurare in uno dei palcoscenici più spettacolari del mondo delle due ruote. Appassionato di viaggi e da sempre affascinato dalle località tutte da scoprire, l'americano di Seattle verrà ispirato dalla bellezza di Istanbul, dalle incantevoli coste dell'Egeo e del Mediterraneo.
"Il Giro di Turchia costituisce un'occasione importante per trovare una buona forma e migliorare la tattica in vista del Giro" ha detto Farrar alla partenza della Parigi-Roubaix. "Con questi obiettivi in mente, potevo prendere parte a questa corsa o al Giro di Romandia. La scelta non è stata difficile: in Svizzera il percorso è proibitivo per un velocista come me, il Turchia invece presenterà tappe più adatte alle mie caratteristiche".
All'inizio della stagione 2011, non si sapeva se lo sprinter più forte d'America avrebbe preso parte in maggio al Giro di California, per esaudire il desiderio di alcuni suoi sponsor e dei suoi fans di vederlo correre "in casa", o al Giro d'Italia, per sfidare Mark Cavendish, il velocista più forte al mondo. In seguito alla dichiarazione di Tyler "Io amo il Giro" e al suo ottimo avvio di stagione (con tre vittorie, tra cui la 2^ tappa della Tirreno-Adriatico, e un costante rendimento nelle classiche fiamminghe: 4° nella Kuurne-Brussels-Kuurne, 3° nella Across Flanders, 3° alla Gent-Wevelgem, 13° al Giro delle Fiandre e 28° alla Parigi-Roubaix, corsa da gregario), la dirigenza della Garmin-Cervélo non ha potuto fare a meno di dargli l'opportunità di correre la sua corsa del cuore.
I dirigenti del gruppo con sede nel Colorado sono impressionati dalla voglia di Farrar di gareggiare, che lo differenzia dai molti atleti che al contrario vogliono ridurre il numero dei giorni di corsa. "Se non lo schieriamo, va a disputare le kermesse in Belgio" conferma il direttore sportivo Lionel Marie.
"Mi sono prenotato per il Giro di Turchia perché ho bisogno di macinare chilometri di corsa prima del Giro" spiega Farrar. "Mi sembra di aver capito, che non sono l'unico velocista ad aver fatto lo stesso ragionamento, saremo in molti a sprintare in Turchia in vista della corsa rosa".
Farrar sarà scortato in Turchia da compagni veloci ed esperti nel tirare le volate come Travis Meyer, Murilo Fisher e Brett Lancaster. Con un ruolo diverso, sarà interessante scoprire Andrew Talansky, promettente connazionale di Farrar, che ha già dimostrato di avere la stoffa del corridore di classe.
"É un grande onore dare il benvenuto in Turchia a un corridore come Tyler Farrar, che è stato e sarà protagonista al Giro e al Tour" sottolinea con soddisfazione il direttore d'organizzazione del Giro di Turchia Abdurraman Açikalin.
Questa la formazione della Garmin-Cervélo per il Presidential Tour of Turkey: Tyler Farrar (USA), Murilo Fisher (Bra), Brett Lancaster (Aus), Travis Meyer (Aus), Ramunas Navardauskas (Lit), Thomas Peterson (USA), Andrew Talansky (USA), Sep Vanmarcke (Bel).

Per maggiori informazioni, consultare il sito: http://www.tourofturkey.org

tuttobiciweb.it
 
Rispondi
#6
Guardini ha ben chiaro il suo obiettivo
La Farnese Vini-Neri Sottoli si presenta al Presidential Tour of Turkey senza il vincitore della scorsa edizione Giovanni Visconti, ma con l'ambizione di ripetersi conquistando sia vittorie di tappa che la generale. Di grande interesse per l'evento turco sarà la partecipazione del giovane e promettente Andrea Guardini, che con le sue sei vittorie è il corridore ad aver vinto di più da neoprofessionista e, a oggi, è il più vincente del 2011.
Andrea, a soli 21 anni, ha iniziato la sua carriera nella massima categoria primeggiando in cinque volate di gruppo al Tour de Langkawi in Malesia e con la successiva vittoria della 5^ tappa del Tour of Qatar, in cui ha avuto la meglio su atleti del calibro di Mark Cavendish, Tom Boonen e Heinrich Haussler. "Sinceramente sono passato professionista con grandi ambizioni, ma non mi aspettavo di vincere così tanto e così presto" ha dichiarato Guardini, che detiene anche il record di vittorie tra i dilettanti italiani, dato che con i 19 centri della stagione scorsa, ha superato Claudio Corti, che nel 1977 ne ha ottenuti 17, tra cui il campionato del mondo.
Dopo il secondo posto nella 2^ tappa della settimana Coppi e Bartali alla fine di marzo, il velocista che fisicamente ricorda molto Mark Cavendish (Andrea è alto 1.70 cm e pesa 67 kg, ndr), si è allenato in altura in vista del Giro di Turchia. "Voglio davvero far bene, almeno nelle tre tappe adatte alle mie caratteristiche. Ho sentito che il Turchia è una corsa spettacolare, senz'altro con il caldo potrò esprimermi al meglio" ha affermato lo sprinter veneto.
Questa sarà la seconda volta di Andrea in Turchia, che ha ricordato: "L'anno scorso ho preso parte ai Campionati Europei di strada per Under 23 tenutisi nella capitale Ankara. Fu una bella esperienza, anche se sarebbe stato molto meglio se non avessi rotto la catena a 3 km dall'arrivo".
Il direttore sportivo della Farnese Vini-Neri Sottoli Luca Scinto spiega quanto è importante il Giro di Turchia per la stagione 2011 di Guardini: "Gli ho promesso che correrà il Giro d'Italia se sarà in grado di vincere almeno due tappe qui, dove oltre a Cavendish, si scontrerà con i cinque velocisti più forti in circolazione". Se riuscisse ad avere la meglio su Alessandro Petacchi, Tyler Farrar, Andre Greipel e Allan Davis, Guardini entrerebbe di diritto nella ristretta cerchia degli uomini più veloci al mondo.
"La nostra squadra per il Turchia è molto competitiva" ha continuato Scinto. "L'anno scorso, mentre guidavamo la corsa con Visconti ho promesso al direttore di organizzazione Aydin Güney, che se ci avesse invitati di nuovo, ci saremmo presentati con un team motivato e all'altezza. Visconti avrebbe voluto prendere parte di nuovo a questa corsa, ma essendo il campione italiano in carica è molto richiesto in Italia. Recentemente è stato anche ammalato, non vogliamo spremerlo troppo prima del Giro d'Italia, in cui vogliamo vincere una tappa e vestire la maglia rosa. Probabilmente sei atleti degli otto che schiereremo al Turchia faranno il Giro. Non faremo affidamento solo su Guardini per vincere le tappe e siamo convinti che Oscar Gatto abbia tutte le carte per giocarsi la generale. Sarà dei nostri in Turchia anche il campione nazionale giapponese Takashi Miyazawa, a cui in questo periodo siamo molto vicini per la tragedia che ha colpito il suo paese".
Tra gli uomini al via da Istanbul, con la maglia della Farnese-Neri c'è anche Andrea Noè, che con i suoi 42 anni è il corridore più "vecchio" nel gruppo dei professionisti.
Questa la formazione della Farnese Vini-Neri Sottoli per il Giro di Turchia: Alessandro Bisolti (Ita), Diego Caccia (Ita), Oscar Gatto (Ita), Takashi Miyazawa (Jap), Andrea Noè (Ita), Elia Favilli (Ita), Andrea Guardini (Ita), Matteo Rabottini (Ita).

tuttobiciweb.it
 
Rispondi
#7
TURCHIA. Attesa per l'esordio dei colombiani
Per la prima volta la Colombia es passion-Café de Colombia correrà il Giro di Turchia, che partirà da Istanbul il prossimo 24 aprile. Sarà l'unica squadra Continental a difendere i colori del Sud America.
"Siamo onorati per l'adesione di team di questo livello provenienti da tutto il mondo" ha commentato il direttore di corsa Abdurrahman Açikalin. "Vogliamo mettere in mostra la nostra Turchia dovunque. L'anno scorso invitammo la brasiliana Scott-Marcondes, ho l'impressione che la Colombia es passion-Café de Colombia sia ad un livello superiore. Ha corridori giovani e promettenti, che hanno tutte le carte per diventare, in un prossimo futuro, i più grandi scalatori al mondo".
I corridori colombiani sono quindi di nuovo in campo. L'anno scorso al Tour de l'Avenir, il Tour de France per Under 23, tre di loro hanno chiuso nei primi dieci: Nairo Quintana primo, Jarlinson Pantano terzo e Darwin Atapuma nono. Tutti e tre corrono in maglia Colombia es passion-Café de Colombia e Pantano sarà tra gli uomini al via del Turchia.
"Sono davvero contento di correre questa gara" ha dichiarato Jarlinson. "Il Tour de l'Avenir è la competizione europea in cui finora ho raccolto il mio miglior risultato. Ora desidero fare un altro salto di qualità, il Giro di Turchia è un'ottima occasione in cui potrò confrontarmi con corridori delle formazioni Pro Tour". Avendo la squadra una base anche in Spagna, Pantano ha già avuto modo di provarsi nelle corse europee. Si è classificato 15° nella corsa francese Route Adélie de Vitré, in scena il 1° aprile.
Luis Felipe Laverde, con il suo 3° posto al Giro dell'Appennino dietro a due corridori del calibro di Damiano Cunego ed Emanuele Sella, ha centrato il miglior risultato societario ottenuto in Europa finora. Vincitore della 14^ tappa del Giro d'Italia 2006, quando correva con l'italiana Panaria, all'età di trentuno anni è la guida della nuova generazione di corridori colombiani. Con questo ruolo sarà presente anche al Presidential Tour of Turkey, insieme al trentaseienne Victor Hugo Peña, unico colombiano nella storia ad aver indossato al Tour de France la maglia gialla, per tre giorni nel 2003, quando correva come gregario di Lance Armstrong alla US Postal Service. "Siamo qui per partecipare alla costruzione di questo nuovo team totalmente colombiano, che si propone con lo stesso spirito della Cafè de Colombia degli anni Ottanta" ha spiegato Laverde. "Questo team è al 100% colombiano. Abbiamo grandi talenti nel nostro paese e l'obiettivo dei nostri sponsor è arrivare al 2013 con una squadra colombiana al Tour de France. Questo è il motivo principale per cui corriamo in Europa: per acquisire esperienza. In quest'ottica, il Giro di Turchia è molto importante per la nostra crescita".
Il primo colombiano al Tour de France fu Martin "Cochise" Rodriguez, con la Bianchi nel 1975, che si classificò 27°. La vera e propria storia dei colombiani al Tour iniziò però nel 1983, l'anno successivo all'annuncio del direttore di organizzazione Félix Lévitan alla partenza di Basel (Svizzera) di aprire la corsa anche ai team dilettantistici (le attuali Professional), oltre che ai professionisti.
Il tentativo, che aveva come primo obiettivo il coinvolgimento dei paesi sovietici, ottenne la pronta risposta della Colombia. In questo modo ebbe inizio un legame tra la corsa a tappe francese e il paese sudamericano, che rimase inscindibile per più di un quarto di secolo. Sessantasei colombiani hanno partecipato al Tour dal 1983. In quell'anno ben trentadue giornalisti colombiani seguirono l'evento, la maggior parte con grande entusiasmo urlò al pubblico radiofonico quanto vedeva accadere sotto i propri occhi.
Fabio Parra, con i suoi 8 Tour, detiene il record di partecipazioni (dal 1985 al 1992 non ne ha mancato neanche uno). Sempre Parra è l'unico colombiano a essere salito sul podio finale, nel 1988. Lo segue a ruota Lucho Herrera con sette edizioni, tutte portate a termine, vincitore anche di due maglie a pois, nel 1985 e nel 1987. Santiago Botero va ricordato come il miglior scalatore nell'edizione del 2000.
Per la prima volta dopo ventisette anni, alla partenza del Tour de France 2010 di Rotterdam, non c'era al via neanche un corridore colombiano. Sopperire a questa mancanza è la missione del direttore sportivo Oliverio Cárdenas: ravvivare la passione ciclistica di un intero paese.
Questa la formazione della Colombia es pasión per il Presidential Tour of Turkey 2011: Juan Pablo Forero (Col), Luis Felipe Laverde (Col), Carlos Martinez (Col), Leonardo Paez (Col), Jarlinson Pantano (Col), Victor Hugo Peña (Col), Juan Villegas (Col), Hugo Salazar (Col).

tuttobiciweb.it
 
Rispondi
#8
Alessandro Petacchi andrà invece in Turchia a sfidare un lotto di velocisti di massimo livello. Per lo sprinter spezzino il Giro di Turchia sarà la prima corsa dopo il ritiro dal Giro di Catalogna e l’ultima gara prima del Giro d’Italia.
Diretti da Bruno Vicino, saranno al via in maglia blu-fucsia, oltre a Petacchi, Buts, Kondrut, Kostyuk, Krivtsov, Magazzini, Perez Arrieta e Szeghalmi.
“Il Giro di Turchia è stata la scelta più ovvia per rientrare alle corse in vista del Giro d’Italia – ha spiegato Petacchi – Il clima sarà infatti ottimo per i miei problemi respiratori, i percorsi si prestano al lavoro di rifinitura della condizione, il gruppo dei velocisti presenti sarà di assoluta qualità: ci sono quindi le condizioni migliori per prepararmi al meglio prima della Corsa Rosa”.

comunicato stampa Lampre-ISD
 
Rispondi
#9
Vogondy e l'obiettivo di una vittoria
Il campione nazionale francesce della cronometro Nicolas Vogondy ha un incarico importante, sarà il capitano della Cofidis per il Presidential Tour of Turkey, che prenderà il via domenica 24 aprile. L'obiettivo del team francese è eguagliare il risultato ottenuto lo scorso anno con David Moncoutié, 3° nella generale dopo esser stato protagonista delle tappe decisive.
"David mi ha raccontato del Giro di Turchia" ha commentato Vogondy. "Ha esitato parecchio prima di decidere di non tornarci quest'anno perché la corsa gli è piaciuta molto. Mi ha detto che l'organizzazione è impeccabile, il tempo buono, i paesaggi splendidi, gli hotel confortevoli e l'atmosfera unica. Secondo i programmi della squadra ha deciso di correre la Liegi, ma è molto dispiaciuto di non poter tornare in Turchia. Nella mia testa questo paese era associato solo a una meta da vacanza, ma da quando David me ne ha parlato è una destinazione ciclistica che non vedo l'ora di scoprire".
A trentatre anni Vogondy, nuovo arrivato in casa Cofidis, sta disputando la sua quindicesima stagione da professionista. Il vincitore di ben due titoli francesi in linea, ha grandi ambizioni per il suo trimestre preferito: maggio, giugno, luglio. "Il Giro di Turchia si trova in una posizione ideale del calendario" ha spiegato Nicolas. "So che i velocisti saranno motivati a giocarsi le tappe pianeggianti, ma ci sono due o tre tappe più impegnative adatte alla Cofidis. Il mio obiettivo è vincere una tappa e piazzarmi in classifica per portare alla squadra punti importanti per la classifica dello Europe Tour. Sono in condizione e voglio far bene, ma oltre a pedalare terrò gli occhi ben aperti per non perdermi le bellezze della Turchia".
Vogondy è legato ancor di più al ciclismo da quando, all'inizio dell'anno scorso, è stato costretto a star fermo un periodo a causa di uno scompenso cardiaco, per il quale è stato curato nel migliore dei modi. "Fu un bruttissimo periodo. Nei tre mesi in cui non sono potuto salire in bici ho capito quanto è importante questo sport nella mia vita" ha ricordato. "Ho ottenuto il permesso per tornare a correre a marzo 2010, da allora ogni anno devo sottopormi a dei test di controllo, ma ora sono sereno e concentrato più che mai sulle due ruote. Oggi amo il mio lavoro più che mai".
Al Giro di Turchia avrà al suo fianco alcuni dei promettenti giovani che vestono la maglia della Cofidis, oltre a Damien Monier, vincitore della 16^ tappa del Giro d'Italia 2010, Julien Fouchard, secondo nella 5^ tappa dell'ultima edizione della corsa rosa, e al belga Romain Zingle, secondo nella 10^ frazione della Vuelta a España 2010.

Questa la formazione del team Cofidis per il Presidential Tour of Turkey 2011: Yoann Bagot (Fra), Nicolas Edet (Fra), Julien Fouchard (Fra), Kevin Ista (Bel), Damien Monier (Fra), Nicolas Vogondy (Fra) e Romain Zingle (Bel).

tuttobiciweb.it
 
Rispondi
#10
Liquigas-Cannondale a caccia di tappe in Turchia
Al Tour of Turkey il primo obiettivo saranno le vittorie di giornata. Spazio ai velocisti Guarnieri e Viviani

A partire da domani, domenica 24 aprile, la Liquigas-Cannondale sarà impegnata nel Presidential Tour of Turkey, corsa di otto tappe che si concluderà domenica 1 maggio. Per il team verde-blu si tratta della seconda partecipazione dopo quella dell’anno scorso, archiviata con una vittoria di tappa ad opera di Elia Viviani.

Il velocista veronese sarà uno dei sei corridori presenti alla corsa, affiancato da un altro sprinter come Jacopo Guarnieri e da Francesco Bellotti, Timmy Duggan, Juraj Sagan e Cameron Wurf.

«Il nostro obiettivo principale è cercare le vittorie di giornata» afferma Biagio Conte, il DS che guiderà la formazione dall’ammiraglia. «Il percorso ricalca in buona parte quello del 2010, offrendo dunque buone chance ai passisti-veloci. Punteremo a sfruttare la condizione di coloro che arrivano all’appuntamento dopo un buon rodaggio, come Guarnieri e Bellotti, mentre per gli altri valuteremo di giorno in giorno le sensazioni. Sono convinto che Jacopo offrirà una prestazione maiuscola: in Belgio ha corso bene e ha trovato una vittoria che gli ha dato un’importante iniezione di fiducia. Da Viviani, invece, ci aspettiamo che innanzitutto riprenda il ritmo di corsa in vista di un appuntamento importante come il Tour of California ».

I diretti interessati, Guarnieri e Viviani, sanno bene che il gioco di squadra sarà importante per raggiungere gli obiettivi. Già compagni di squadra ai tempi del dilettantismo, i due sprinter sono pronti a unire le forze contro i grandi velocisti che saranno al via del Tour of Turkey.

«Sulla carta ci sono diversi arrivi adatti ai velocisti: io ed Elia sapremo farci valere» spiega Guarnieri. «Personalmente mi sento molto bene oltre che fortemente motivato. Il Belgio mi ha dato un ottimo colpo di pedale e, trattandosi dell’ultimo impegno della prima parte della stagione, voglio sfruttare al massimo la condizione». Per Viviani l’appuntamento arriva dopo «un periodo di “scarico”, necessario per assorbire gli impegni precedenti. Sono consapevole che i primi giorni faticherò ma conto di chiudere in crescita. Aiuterò Jacopo nei finali di corsa e, se ci sarà l’occasione di provare una volata, non tirerò certo i freni».

comunicato stampa Liquigas-Cannondale
 
Rispondi
  


Vai al forum:


Utente(i) che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)