Login Registrati Connettiti via Facebook



Non sei registrato o connesso al forum.
Effettua la registrazione gratuita o il login per poter sfruttare tutte le funzionalità del forum e rimuovere ogni forma di pubblicità invasiva.

Condividi:
Un ciclismo senza voce
#1
Oggi ho guardato l'Amstel su Eurosport Player senza commento, col solo suono ambientale, cosa che ho già provato quest'inverno col ciclocross e col Giro delle Fiandre fino al Koppenberg.

Devo dire che guardare una corsa senza commento è rilassante, anzi, contrariamente a quello che si può pensare, anche meno noioso. Senza nessuno che parla devo ammettere d'aver colto più dettagli rispetto a quanto faccio quando ci sono i telecronisti.

Negli ultimi tempi si parla tanto di sdoganare la telecronaca a tre voci, come se i protagonisti fossero loro, i cronisti, e non il gesto sportivo. Ovvio che ci sono cronisti come Dezan che sono più ricordati di tanti corridori, ci mancherebbe altro, Adriano era un fenomenale narratore ed una persona che ti faceva sentire accanto a lui a bordostrada e sapeva costruire un feeling con il telespettatore unico, tanto da commuoversi con Pantani o esaltarsi con Bugno.
Io invece dopo l'esperienza di oggi sono diventato sostenitore della diretta senza telecronaca. Ovvio che poi non ci si deve distrarre e bisogna seguire attentamente la corsa, altrimenti non hai un appoggio che può narrarti in tempo reale quello che è successo.

Voi che ne pensate ? In assenza dei Dezan, Martellini, Ferretti, Ciotti e compagnia, credete ancora nella telecronaca o anche voi ogni tanto guardate una corsa o comunque un avvenimento sportivo col solo sonoro ambientale ?
 
Rispondi


[+] A 1 utente piace il post di Manuel The Volder
#2
Credo nella telecronaca di ES solo se c'è Andrea Campagna, quindi credo principalmente all'assenza di commento .

Le partite di calcio comunque, quando si può, rigorosamente con l'audio ambiente.
 
Rispondi
#3
Per questioni lavorative fa sempre comodo avere una telecronaca in sottofondo.

Certo, se poi parlano dei cacchi loro non serve a una mazza...però si parte del presupposto che seguano la gara.

Alcune volte, ad ogni modo, quando i telecronisti di turno non sono proprio in giornata, mi capita di mutare.

Ormai è da tempo immemore, peraltro, che seguo solo su ES.

Campagna-Lazzaro la coppia che preferisco.

Inoltre, ripeto per l'ennesima volta: Gregorio a fare il suo lavoro è molto bravo. Poi, quando si butta in analisi tecniche, spesso non condivido quello che dice.....peeerò nell'arte della telecronaca è il primo della pista nel settore, Campagna escluso.
 
Rispondi
#4
Io oggi ho dovuto mutare perché la telecronaca RAI era in fastidioso anticipo e quindi mi spoilerava tutto: errore imperdonabile.

La telecronaca mi fa compagnia e soprattutto mi aiuta a riconoscere il corridore che scatta, perché non sempre è semplice.
 
Rispondi
#5
I telecronisti fanno parte della mia memoria, trovo difficile rinunciarvi. Non è che Adriano De Zan o gli altri "d'epoca" fossero così speciali, anzi, di strombolate ne dicevano. Era evidente però la loro passione. 
Personalmente è come se l'audio della telecronaca si alzasse o abbassasse in base al mio interesse e a quanto stanno dicendo. Riesco bene a osservare i dettagli della corsa e a seguire quello che dicono, interessante o modesto che sia. Trovo la telecronaca utile per identificare i corridori che non riconosco (tanti, non ho più memoria) e mi infastidisco se la componente cronaca viene qui a mancare. In questo Adriano De Zan era insuperabile. 
 
Rispondi
#6
Ci ho provato in passato ma preferisco comunque con la telecronaca, anche quando è mediocre.

Magari mi incazzo se dicono castronerie, magari non sto sempre attento a ciò che viene detto (l'attenzione è principalmente sulla corsa, la telecronaca è sottofondo) ma sono talmente abituato ad averla che mi sembra che manchi qualcosa se non c'è.
 
Rispondi
#7
(19-04-2021, 12:15 AM)Hiko Ha scritto: Io oggi ho dovuto mutare perché la telecronaca RAI era in fastidioso anticipo e quindi mi spoilerava tutto: errore imperdonabile.

La telecronaca mi fa compagnia e soprattutto mi aiuta a riconoscere il corridore che scatta, perché non sempre è semplice.

veramente brutto avere una telecronaca con 5 secondi in anticipo,per fortuna era dubbia la vittoria,altrimenti sapevo prima che partivano chi vinceva la volata.....assurdo comunque
 
Rispondi
#8
Io ho tolto il volume nell'ultimo chilometro e l'ho rimesso solo dopo l'arrivo. Che ci sia un anticipo di un secondo capita piuttosto spesso, soprattutto quando seguivo lo sci e mi spoileravano gli intertempi, ma 5 secondi sono tantissimi
 
Rispondi
  


Vai al forum:


Utente(i) che stanno guardando questa discussione: 7 Ospite(i)