Login Registrati Connettiti via Facebook



Non sei registrato o connesso al forum.
Effettua la registrazione gratuita o il login per poter sfruttare tutte le funzionalità del forum e rimuovere ogni forma di pubblicità invasiva.

Condividi:
Giro d'Italia 2015 | 13^ tappa: Montecchio Maggiore - Jesolo
#1
Pianura 
Giro d'Italia 2015, 13^ tappa: presentazione, percorso, altimetria, planimetria, dettagli ultimi chilometri, ordine d'arrivo, risultati, classifiche, video, fotografie, commenti, pronostici, scommesse, tv, pagelle, ritirati, twitter, facebook.


venerdì 22 maggio 2015
Montecchio Maggiore > Jesolo
13^ tappa - 153 km



Percorso
Presentazione

Completamente pianeggiante, è una delle tappe più brevi del Giro. Si attraversa la pianura veneta da Montecchio Maggiore via Vicenza, Piazzola sul Brenta, Mirano, Mestre, Musile di Piave per giungere a Eraclea dove iniziano gli ultimi 20 km. Da segnalare negli attraversamenti cittadini numerosi ostacoli urbani come rotatorie, dossi e spartitraffico.

Il finale velocissimo e pianeggiante. Superato il Piave a Eraclea si tocca Jesolo città per raggiungere la località di Cortellazzo lungo una strada di argine. A Cortellazzo svolta a destra su ponte con strettoia e quindi strade larghe, piatte e rettilinee punteggiate da rotatorie di diverso diametro fino all’arrivo. Rettilineo finale di circa 500 m su asfalto largo 7 m.

Gran Premi della Montagna:
Km Salita cat. note
- - - -

Cronotabella: download
Libro di Corsa: download



Risultati
ORDINE D'ARRIVO
1. Sacha Modolo (Ita) 03:03:08
2. Giacomo Nizzolo (Ita)
3. Elia Viviani (Ita)
4. Alexander Porsev (Rus)
5. Eduard Michael Grosu (Rou)
6. Axel Maximiliano Richeze (Arg)
7. Moreno Hofland (Ned)
8. Nicola Ruffoni (ITA)
9. Luka Mezgec (Slo)
10. Heinrich Haussler (Aus)

Ordine d'arrivo completo
CLASSIFICA GENERALE
1 Fabio ARU ITA AST 54:20:35
2 Alberto CONTADOR ESP TCS 19
3 Mikel LANDA ESP AST +1:14
4 Roman KREUZIGER CZE TCS +1:38
5 Dario CATALDO ITA AST +1:49
6 Rigoberto URAN COL EQS +2:02
7 Damiano CARUSO ITA BMC +2:12
8 Andrey AMADOR CRC MOV +2:21
9 Giovanni VISCONTI ITA MOV +2:40
10 Yury TROFIMOV RUS KAT +3:15

Resoconto classifiche completo



Highlights




Link

Articoli correlati: -





 
Rispondi
#2
Giro d’Italia, presentata la tappa di Montecchio Maggiore

[Immagine: showimg.php?cod=77046&resize=10&tp=n]

Fervono i preparativi in vista del passaggio del Giro d’Italia di ciclismo dal territorio vicentino. Ad 80 giorni dall’evento nelle due città interessate, Vicenza, che sarà l’arrivo di una tappa, e Montecchio Maggiore, partenza della tappa successiva, ci si sta dando un gran da fare. E proprio a Montecchio, il comitato organizzatore delle tappe vicentine ha incontrato amministratori comunali e categorie economiche, nella sala civica in Corte delle Filande, per presentare i dettagli della tappa Montecchio-Jesolo, che avrà luogo il 22 maggio, dopo la Imola-Vicenza, con arrivo a a Monte Berico,.

L’incontro di Montecchio Maggiore, che si è tenuto alcune settimane dopo la presentazione della tappa di Vicenza, è iniziato con la proiezione di un video che ha ripercorso l’avventura della carovana rosa 2014, con la vittoria di Nairo Quintana. A rimarcare la portata dell’evento ed il ritorno d’immagine per il territorio e per le aziende partner sono stati gli interventi dei componenti del Comitato Tappa Vicenza-Montecchio Maggiore: Alessandro Belluscio, che ha portato il saluto del presidente Matteo Marzotto, Moreno Nicoletti, Claudio Pasqualin e Gabriele Viale.

La Rai riprenderà integralmente solo tre tappe del prossimo Giro d’Italia, e la Montecchio-Jesolo sarà una di queste. Nei due giorni in cui il Giro soggiornerà a Vicenza si attendono 350 mila tifosi. A cavallo fra i due giorni almeno tremila persone pernotteranno a Vicenza e dintorni. I giornalisti accreditati saranno 1.800, oltre 170 emittenti saranno collegate in mondovisione. Un’a grande ricaduta economica dunque, come ha voluto sottolineare anche l’assessore regionale, Roberto Ciambetti, che guarda con ottimismo alla candidatura di Vicenza e del Veneto anche per l’organizzazione dei mondiali di ciclismo del 2020.

Il sindaco di Montecchio Maggiore, Milena Cecchetto, e l’assessore comunale allo Sport, Gianluca Peripoli, nel ringraziare il project leader Moreno Nicoletti e tutto il Comitato Tappa per il lavoro svolto, hanno ribadito l’impegno dell’amministrazione comunale per “far sì che Montecchio ricavi il massimo da questa straordinaria vetrina”.

Non è passata inosservata infine la presenza in sala dell’istrionico ex campione del mondo Marino Basso, ospite della serata assieme al giovane atleta professionista vicentino Andrea Zordan. “Per Montecchio è un’opportunità eccezionale – ha ricordato anche Basso -. Se questa tappa ci fosse stata ai miei tempi difficilmente mi sarebbe sfuggita”.

da vicenzareport.it
http://www.vicenzareport.it/2015/03/giro...-maggiore/
 
Rispondi
#3
Giro d'Italia, Jesolo prepara la sua festa rosa
"L'arrivo di tappa del Giro d'Italia è un appuntamento sportivo che la città di Jesolo ha tanto inseguito e voluto" ed "essere sede d'arrivo per una tappa della corsa 'Rosa' che è una delle manifestazioni sportive più conosciute e seguite al mondo, rappresenta per noi un grande orgoglio. Un momento al quale cercheremo di dare tutto il supporto e la visibilità necessaria e per il quale la macchina comunale si sta impegnando molto". A rilevarlo, tra gli applausi, è stato venerdì mattina il sindaco di Jesolo, Valerio Zoggia in occasione della presentazione della tappa veneziana che toccherà anche le province di Vicenza e di Padova svoltasi nell'Hotel Almar della rinomata località turistica dell'Alto Adriatico.

L'edizione numero 98 del Giro d’Italia farà ritorno nella città lagunare venerdì 22 maggio in occasione della 13^ frazione Montecchio Maggiore-Jesolo. La corsa rosa, come è noto, mancava da Jesolo dal 2009, quando ospitò la partenza della seconda tappa dopo il prologo della cronosquadre al Lido di Venezia e che poi si concluse a Trieste. Quella jesolana sarà una tappa, tutta veneta, con partenza da Montecchio Maggiore in provincia di Vicenza e arrivo in via del Bersagliere davanti al Pala Arrex. La frazione, piuttosto pianeggiante e lunga 153 chilometri, è adatta ai velocisti e per questo si prevede una conclusione in volata a ranghi compatti.

"L’amministrazione comunale ha voluto fortemente questo appuntamento perché rappresenta uno dei simboli d’eccellenza dello sport - ha sottolineato dal canto suo l’assessore allo sport, Ennio Valiante - . Un evento internazionale che accende i riflettori sulla città in un momento che corrisponde con l’inizio della stagione turistica. Quattromila testate giornalistiche accreditate, 170 Paesi collegati, 500 ore di diretta: come potete capire è un evento che fa bene alla nostra città". "Quello legato al Giro - ha proseguito - sarà un fine settimana ricco, perché dopo l’arrivo del 22 maggio avremo la Half Marathon e la domenica il Joyn the game del basket". "Al di là dell’aspetto mediatico - ha concluso l'assessore Valiante - ospitare una tappa del Giro d’Italia crea un indotto economico non solo a breve termine ma anche a lungo termine".

"Jesolo ha vissuto più volte arrivi e partenze del Giro - ha aggiunto Moreno Argentin (ex iridato a Colorado Springs nel 1986 e che ha vestito per 13 giorni la maglia rosa al Giro n.d.r.) di Passarella di San Donà e componente il Comitato Tappa - . Il Giro rispecchia l’evento sportivo che riesce a trasmettere non solo gesti tecnici ma anche espressione del territorio. Tecnicamente il percorso è pianeggiante e sarà pane per velocisti, ma i territori attorno sono la nostra Rubaix, non abbiamo il pavé ma abbiamo gli sterrati". Come è stato evidenziato nelle ultime edizioni del Giro Internazionale dei Tre Ponti per élite e under stabilito per domenica 13 giugno a San Donà di Piave.

Dopo la partenza da Montecchio Maggiore la tappa toccherà Vicenza, Piazzola sul Brenta e quindi entrerà in provincia di Venezia transitando per Santa Maria di Sala, quindi Mirano, Spinea, Mestre, Tessera, Portegrandi, deviazione sulla Treviso Mare, transito per Musile e San Donà ed il passaggio da Eraclea prima di concludersi a Jesolo via Cortellazzo.
Il percorso cittadino prevede, invece, che la carovana entri per via Colombo. Sarà poi percorsa la zona Pineta in via Oriente e si inizierà la fase conclusiva di avvicinamento all’arrivo passando per le vie Albino Luciani e Martin Luter King dirigendosi quindi verso la rotonda Picchi. Di qui il via alla volata finale prevista in via del Bersagliere.

"Centottanta emittenti televisive collegate, più di 120 radio, 1200 giornalisti al seguito - ha ricordato l'ex velocista e vicedirettore della corsa rosa, Stefano Allocchio - . Il Giro è una città che si muove di tappa in tappa. Per una volta riusciamo ad arrivare prima dei tedeschi anticipando il loro arrivo a Jesolo e ci piace molto". "Il Giro non è solo sport ma anche spettacolo, storia e turismo - ha concluso - . Grazie al comitato tappa e ciò che richiede la Rai è di far vedere le bellezze dell’Italia. Un elicottero Rai è dedicato solo alla ripresa del territorio che attraversiamo e visibile sul sito Rai in diretta. Sarà una bella tappa".

Tra gli ospiti della cerimonia di presentazione anche Roberto Poggiali, ex gregario di Francesco Moser ma soprattutto il mitico Dino Zandegù, padovano di Rubano, che nel 1970 vinse a Jesolo l’arrivo in volata. "Vinsi sul filo dei centimetri - ha raccontato -. Ho trascorso cinque giorni di emozioni per venire qua. E non lo dico per fare lanciare lo sprint a questa tappa. Il successo di Jesolo fu una delle prime tre perle della mia carriera e mi garantì anche la prosecuzione del contratto per l’anno successivo".
La presentazione si è conclusa con la consegna della maglietta ufficiale della tappa da parte di Vidotto Sport alle autorità e con un dato turistico proposto dall’assessore al turismo di Jesolo, Daniela Donadello. "Il cicloturismo è il primo sport di passione - ha sottolineato - non solo un prodotto di nicchia ma anche un brand turistico. Per questo ci stiamo attrezzando per creare i cosiddetti club di prodotto assieme alle categorie produttive. Il Giro non è solo la corsa per noi ma anche tutto ciò che ci sta attorno e possiamo offrire ai nostri ospiti a cui piace girare in bici per i dintorni di Jesolo".
In occasione della tappa sono state programmate numerose iniziative collaterali al vaglio per coinvolgere cittadini, ospiti e categorie.

Francesco Coppola
 
Rispondi
#4
Pista: Venerdì 21 maggio serata al Mecchia di Portogruaro in attesa del Giro
La manifestazione per celebrare l’ex prof Ivan Ravaioli sarà dedicata ai velocisti con un super scratch di 100 giri

[Immagine: 4ed84a01-ad88-4580-9492-185f0ee1d0cb_medium_p.jpg]

Portogruaro (VE) (17/5) - La 13^ tappa del 98° Giro d'Italia, la Montecchio Maggiore (Vicenza)-Jesolo (Venezia), in programma venerdì 22, sarà preceduta giovedì da una serata particolare programmata nel Velodromo Mecchia di Portogruaro dedicata agli specialisti della velocità e denominata "Ravaioli's Night @ Velodrome".

La manifestazione, programmata alle 20 per celebrare la vittoria dell'ex professionista Ivan Ravaioli al Red Hook Crit di Brooklyn, farà gustoso da antipasto all'arrivo della corsa rosa. L'iniziativa è stata arricchita dalla formula "100 Giri", uno scratch pensato per portare in pista gli specialisti e non. Saranno percorsi 60-70 giri con cambi regolari e velocità controllata che potrà poi salire. Al suono della campana dell'85° giro via libera ad ogni tattica e tentativo per tagliare per primi il traguardo del centesimo. La formula consentirà di provare l'ebbrezza di uno scratch spettacolare.

"L'occasione di avere Ivan Ravaioli - ha detto Michele Zanet, presidente del Velocromo P.G. Mecchia - consentirà agli appassionati di poter svolgere attività su pista". Come è noto alla Scuola Ciclismo del Mecchia si allenano anche 80 bambini.

Francesco Coppola - Federciclismo
 
Rispondi
#5
Vediamo se riescono nell'impresa di far andare la fuga pure domani Shifty
 
Rispondi
#6
Dipenderà anche dal vento
 
Rispondi
#7
Per i velocisti: o adesso, o mai più.
 
Rispondi


[+] A 1 utente piace il post di Raffaele Sarnataro
#8
In fuga Zabel, Frapporti e Pineau.
(che si son beccati pure il passaggio a livello stile Parigi-Roubaix Sese )

Al traguardo volante Nizzolo 4°, mentre Greipel non mi pare l'abbia fatto.
 
Rispondi
#9
Cazzo va in fuga Zabel ?
 
Rispondi
#10
Ormai ha una certa età: lo spunto veloce è un lontano ricordo Eheh Giusto così Sisi

TV di Mestre preso proprio da Zabel. Vediamo chi vince in gruppo.

(Certo che far la diretta integrale di una tappa del genere Sweat Sweat)
 
Rispondi
  


Vai al forum:


Utente(i) che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)