Login Registrati Connettiti via Facebook



Non sei registrato o connesso al forum.
Effettua la registrazione gratuita o il login per poter sfruttare tutte le funzionalità del forum e rimuovere ogni forma di pubblicità invasiva.

Condividi:
Giro d'Italia 2015 | 2^ tappa: Albenga - Genova
#1
Pianura 
Giro d'Italia 2015, 2^ tappa: presentazione, percorso, altimetria, planimetria, dettagli ultimi chilometri, ordine d'arrivo, risultati, classifiche, video, fotografie, commenti, pronostici, scommesse, tv, pagelle, ritirati, twitter, facebook.


domenica 10 maggio 2015
Albenga>Genova
2^ tappa - 173 km



Percorso
Presentazione

Prima tappa in linea prevalentemente pianeggiante, ma caratterizzata dalla prima parte mossa e tecnica con la salita del Testico dopo qualche decina di chilometri dalla partenza e i continui saliscendi e “Capi” della statale Aurelia lungo la costa della Riviera di Ponente. Il primo GPM del Giro 2015 è posto sulla salita di Pratozanino (4a cat.) dopo Cogoleto. Giunti a Genova il percorso si immette nel circuito cittadino di 9.5 km da ripetere due volte.

Circuito interamente cittadino di 9.5 km da percorre due volte. Linea di arrivo in via XX Settembre e passaggio in Piazza de Ferrari (da segnalare un breve tratto in lastricato), quindi discesa fino a Piazza Brignole dove la strada inizia lentamente a salire fino Piazza Verdi dove si affronta circa 1 km al 4% per portarsi a Albaro. Segue un falsopiano e la discesa verso Boccadasse dove si ritrova il lungomare. Percorso pianeggiante fino all’ultimo km (interamente rettilineo) dove la strada sale costantemente con pendenze che sfiorano il 2%. Rettilineo di arrivo in asfalto (larghezza 8 m).  

Gran Premi della Montagna:
Km Salita cat. note
124 Pratozanino 4^ 4,2 km al 4,9% (max. 10%)

Cronotabella: download
Libro di Corsa: download



Risultati
ORDINE D'ARRIVO
1. Elia Viviani (Ita) Team Sky 4:13:18
2. Moreno Hofland (Ned) Team LottoNL-Jumbo
3. André Greipel (Ger) Lotto Soudal
4. Luka Mezgec (Slo) Team Giant-Alpecin
5. Alessandro Petacchi (Ita) Southeast Pro Cycling
6. Giacomo Nizzolo (Ita) Trek Factory Racing
7. Michael Matthews (Aus) Orica GreenEdge
8. Davide Appollonio (Ita) Androni Giocattoli
9. Daniele Colli (Ita) Nippo - Vini Fantini
10. Paolo Tiralongo (Ita) Astana Pro Team

Ordine d'arrivo completo
CLASSIFICA GENERALE
1. Michael Matthews (Aus) Orica GreenEdge 4:32:44
2. Simon Gerrans (Aus) Orica GreenEdge
3. Simon Clarke (Aus) Orica GreenEdge
4. Esteban Chaves (Col) Orica GreenEdge
5. Roman Kreuziger (Cze) Tinkoff-Saxo 0:00:07
6. Alberto Contador (Spa) Tinkoff-Saxo
7. Michael Rogers (Aus) Tinkoff-Saxo
8. Manuele Boaro (Ita) Tinkoff-Saxo
9. Ivan Rovny (Rus) Tinkoff-Saxo
10. Paolo Tiralongo (Ita) Astana Pro Team 0:00:13

Resoconto classifiche completo



Highlights




Link


Articoli correlati:





 
Rispondi
#2
Alassio: Giro d'Italia, 4 generazioni a confronto
Domani alle 21 l'incontro con 80 anni di storia

Nell’ambito delle manifestazioni collaterali nell’attesa di ospitare la tappa di Albenga del Giro 2015, Alassio gioca d’anticipo e, aprendo le “ostilità” con uno scatto degno del suo illustre passato ciclistico, propone un incontro con protagonisti delle due ruote che racconteranno passato, presente e futuro del loro sport. Quattro generazioni a confronto. 80 anni di storia sportiva.
Saranno in sala e presenteranno la loro esperienza del pedale quattro personaggi di grande popolarità:
Vittorio Seghezzi, classe 1924, corridore dall’immediato dopoguerra fino a quasi gli anni “60. Gregario di Bartali al famoso Tour del 1948, Tour di cui resta, con Giovannino Corrieri, l’ultimo testimone vivente.
Gianni Motta, ormai di casa ad Alassio; corridore dalla classe cristallina e vincitore del Giro d’Italia 1966.
Mirko Celestino, ligure di Andora e ultimo corridore savonese capace di infiammare le folle.
Gloria Scarsi, figlia degli anni 2000, campionessa italiana esordienti strada e pista; tesserata per l’U.C. Alassio e allieva del “maestro” Gaibisso.

Come è cambiata la bicicletta? E' ancora uno sport vivo e vitale o i fatti recenti esasperati e disdicevoli lo hanno relegato a vivere di ricordi e di “bel ciclismo”? C’è ancora passione in chi lo pratica o il businnes si è impadronito anche di questo sport, per vocazione povero e popolare perché va in mezzo alla gente e attraversa città e vallate?

L’intento della serata, che si terrà ad Alassio sabato 14 marzo presso l’ex Chiesa Aglicana ore 21,00, è soprattutto quello di mettere il pubblico presente in condizione di poter interagire con gli ospiti, intervenendo e ponendo domande e curiosità su il mondo del ciclismo. Un volo senza preconcetti su quasi ottanta anni di pedalate e di Giro d’Italia.

tuttobiciweb.it
 
Rispondi
#3
Alassio, il fascino di quattro grandi del Giro
Gli appassionati hanno apprezzato una presentazione inusuale

[Immagine: showimg.php?cod=77416&resize=10&tp=n]

Alassio sotto i riflettori. Con quattro generazioni di ciclisti presentata la Albenga Genova del Giro 2015.
Solitamente nelle presentazioni locali delle tappe del Giro d’Italia c’è un overdose di politici, politicanti o presunti tali che si blaterano addosso vantando improbabili meriti organizzativi o di “spinta” e amicizia nei confronti della RCS. Nulla di tutto ciò, praticamente un miracolo, è successo ad Alassio, dove in una serata veramente apprezzata dal pubblico degli appassionati, i protagonisti sono stati i corridori, le loro storie della Corsa Rosa e il Ciclismo con la C maiuscola. E non poteva essere diversamente grazie agli ospiti che hanno onorato la serata. Sul palco e sotto il fuoco di domande dalla platea, ben quattro generazioni di pedalatori, vale a dire: Vittorio Seghezzi, classe 1924, corridore dall’immediato dopoguerra fino a quasi gli anni “60. Gregario di Bartali al famoso Tour del 1948. Gianni Motta, 72 anni l'altro ieri, più di 90 vittorie in carriera; corridore dalla classe eccelsa e vincitore tra l’altro del Giro d’Italia 1966. Mirko Celestino, quarantenne, ligure di Andora e ultimo corridore savonese capace di infiammare le folle locali ma non solo. Gloria Scarsi, figlia degli anni 2000, campionessa italiana esordienti strada e pista; allieva del “maestro” Gaibisso che ha allevato generazioni di pedalatori per l’U.C. Alassio.
E gli amministratori? Attenti e desiderosi di imparare il “bel Ciclismo”. In definitiva, la città di Alassio ha insegnato come parlare di Giro d’Italia e di biciclette senza assistere alla solita noiosa parata di maggiorenti ma ascoltando il cuore e la passione di chi ha pedalato o pedala per davvero.

tuttobiciweb.it
 
Rispondi
#4
Il finale sarà in Via XX Settembre, dopo un circuito da ripetere due volte. In pratica negli ultimi venti chilometri circa si passa tre volte sul rettilineo finale e due volte in Via Francesco Pozzo, entrambe in leggera salita (direi circa 3% il rettilineo finale, un pochino di più Via Francesco Pozzo). Niente di impossibile ma comunque insidioso.
 
Rispondi
#5
Beh, rettilineo interessante: non mi ricordo di preciso quanto sale, ma una faticaccia a camminare in su e giù Asd

Più che altro però nei circuiti cittadini spesso è la planimetria a farla da padrone: l'arrivo è sì bello ampio, ma il resto del circuito com'è..? Nervoso, curve secche ecc?!
 
Rispondi
#6
Direi di no, curve secche non ce ne dovrebbero essere (a meno che non facciano un giro assurdo che però non avrebbe troppo senso) e la parte finale è su strada piuttosto ampia.
 
Rispondi
#7
Qui mi sa proprio che prendo bling bling: un arrivo che è un pelo troppo difficile per i velocisti più puri e troppo facile per corridori alla Gilbert. Forse un Lobato potrebbe impensierirlo, o un Felline di un mesetto fa: ma - visto anche come sta la squadra - mi pare sia una spanna sopra tutti. E' un'occasione d'oro per Matthews... Sese
 
Rispondi
#8
Mi pare esagerato dire che sia una tappa da Felline.

Magari un Ruffoni può fare fatica, ma i Modolo, i Belletti non avranno troppi problemi. Per me il favorito è indubbiamente Greipel.
 
Rispondi
#9
Almeno c'ha il treno
(anche se deve chiederlo in prestito a Nizzolo Asd )

Bisognerebbe veder com'è quella curva all'ultimo chilometro: per come ricordo la zona dovrebbe essere bella ampia, ma quando ci son 'sti stradoni succede sempre qualche casino. Avere un treno che ti protegge potrebbe esser parecchio importante...
 
Rispondi
#10
Quella curva nel finale è in una strada a quattro corsie (praticamente l'unica di Genova).

Dopo anni che arriva una tappa a Genova, in un posto che posso raggiungere a piedi, io lavoro. Facepalm
 
Rispondi
  


Vai al forum:


Utente(i) che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)