Login Registrati Connettiti via Facebook



Non sei registrato o connesso al forum.
Effettua la registrazione gratuita o il login per poter sfruttare tutte le funzionalità del forum e rimuovere ogni forma di pubblicità invasiva.

Condividi:
Giro d' Italia 2018 | 16^ Tappa: Trento - Rovereto
#1
Cronometro 
Martedì 22 Maggio 2018

16^a Tappa
Trento - Rovereto 
(34,2 km)



Planimetria



Altimetria






Descrizione

Cronometro individuale con inizio e fine cittadini con percorsi abbastanza articolati e complessi e tratto centrale lungo il fiume Adige su strade prevalentemente rettilinee. Partenza dalla Piazza del Duomo di Trento con alcuni tratti in pavè e con in seguito alcuni ostacoli stradali cittadini come rotatorie e spartitraffico. Seguono lunghi tratti rettilinei con poche curve su strade larghe e ben pavimentate e qualche attraversamento cittadino più ristretto. Prima del secondo rilevamento cronometri da segnalare una breve salita seguita da un breve discesa con una curva impegnativa prima di un nuovo tratto di strade rettilinee verso l’arrivo. Ultimi km: ultimi chilometri superato l’Adige si entra nell’abitato di Rovereto dove diverse curve ad angolo retto con strada ristretta immettono nei vialoni del finale. Rettilineo finale di 570 m in asfalto largo 6.5 m

http://www.giroditalia.it/it/tappa/tappa-16-2018/
 
Rispondi
#2
Guardando l'altimetria e leggendo la descrizione gli ultimi km sembrano salire in modo leggero ma costante, inoltre proprio nel finale ci saranno diverse curve rette. Sarà quindi ancor più importante non spremersi troppo nella parte iniziale, se qualcuno arriverà con troppo acido lattico nel finale sarà difficile mantenere alta la velocità e riuscire a rilanciare dopo le curve.
 
Rispondi
#3
escludendo il fatto che si correrà questa crono dopo 2 settimane di giro, per chi è maggiormente adatta secondo voi? Dumoulin?
 
Rispondi
#4
Beh Dum è il più forte a crono.

Ma dopo due settimane di Giro credo che Froome possa difendersi particolarmente bene.
 
Rispondi


[+] A 1 utente piace il post di Luciano Pagliarini
#5
Per me, questa cronometro è disegnata apposta per Dumoulin: poche curve e qualche breve tratto in pavè; gli ultimi 3.7 km, come ha fatto giustamente notare Jussi, "salgono" leggermente con una pendenza costante dell' 1%. In teoria, l'Olandese dovrebbe rifilare un pò di secondi a Froome; Al Tour 2016, nella crono della 13° tappa, che aveva un chilometraggio simile (solo 3 km in più) e, secondo me, era anche un pò più impegnativa da un punto di vista altimetrico rispetto a questa, Dum diede a Froome oltre 1'.. Qui dovremmo, sempre in teoria, essere sopra ai 50" (mi sbilancio! :-) ).
 
Rispondi
#6
Situazioni diverse.

Dum all'epoca non faceva classifica e partiva in tutt'altro momento della giornata.

Penso che se gli dà 40" può ritenersi soddisfatto.
 
Rispondi
#7
Se dobbiamo dare retta a quello che si è visto oggi Dum potrebbe guadagnare anche meno del previsto....importante anche la gestione del giorno di riposo,oltre alla possibilità di strade bagnate.
 
Rispondi
#8
Normalmente dovremmo contare sui 3 - 4 minuti tra Dum e Yates in una crono come questa. 
Vero che Yates non l'abbiamo mai visto a un livello così alto e siamo al possibile livellamento della terza settimana, ma è leggerino e il cronometro quello è. 
Dumoulin non sembra aver trovato quell'equilibrio tra peso e potenza che avevamo visto lo scorso anno ma questo riguarda più le salite e la condizione è comunque buona. Penso che prenda la Rosa, poi Bardonecchia farà da Giudice, e se Yates mantiene questa brillantezza... 
Nonostante tutto, ancora occhio a Froome...
 
Rispondi
#9
Secondo me se perde 3 minuti netti è "una mezza sconfitta" per il corridore che stiamo ammirando in questi giorni...
Froome può fare anche una grande crono ma 5' sono tanti e comunque sulla carta non guadagna niente sull'olandese;per il podio si ma per la rosa serve un tracollo generale,oltre a rivedere il miglior Froome su salite più di ritmo.
 
Rispondi
#10
Con la botta di oggi non penso che Froome possa lottare addirittura per la vittoria finale ma resta il suo orgoglio e può diventare una variabile notevole, con l'incognita della risposta del suo fisico, che oggi gli ha chiesto un piccolo conto per la vittoria di testa di ieri. Qualcosa dipenderà anche dalle condizioni meteo, nella crono e specialmente nelle ultime tre tappe. 
Penso che Froome dovrà concedere ancora secondi a Dumoulin nella crono ma che potrebbe guadagnare molto su Yates (e sugli altri). 
Se oggi avesse avuto le forze avrebbe potuto far lavorare la squadra e che le energie in campo non fossero tante, a parte Yates, si è visto. Se gli ultimi giorni dovesse stare bene perché non provarci. 
Intorno ai tre minuti tra Dum e Yates resta la mia ipotesi, ma questo lascerebbe a Dumoulin un vantaggio alquanto esiguo da difendere se l'inglesino mantenesse la gamba che ha adesso. 
Come ha scritto Paglia, può succedere ancora di tutto, anche perché il Colle delle Finestre è lontano dal traguardo ma resta nelle gambe e l'ascesa a Jafferau è tosta. E l'ultima tappa non è da sottovalutare.
 
Rispondi
  


Vai al forum:


Utente(i) che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)