Login Registrati Connettiti via Facebook



Non sei registrato o connesso al forum.
Effettua la registrazione gratuita o il login per poter sfruttare tutte le funzionalità del forum e rimuovere ogni forma di pubblicità invasiva.

Condividi:
Giro d'Italia 2020 | 16^ tappa: Udine - San Daniele del Friuli
#1
Montagna 
[Immagine: T16_SanDaniele_ALT_1280X852-3.jpg?v=20200729172648]
[Immagine: GIRO_2020_TAPPA_16.jpg?v=20200729172709]
 
Rispondi


[+] A 1 utente piace il post di Italbici
#2
[Immagine: DETT.-SALITE-T16-DOMM.jpg]
[Immagine: DETT.-SALITE-T16-RAGOGNA.jpg]
 
Rispondi


[+] A 3 utenti piace il post di Italbici
#3
Il circuito finale lo conosco a memoria, sognavo una tappa disegnata così da sempre  Sbav

Il primo strappo del circuito finale è quello di Susans, 600 metri al 10% con punte oltre il 16%, scenograficamente bella perché tutta dritta e con il castello di Susans sullo sfondo. Strappo bastardo, perché dopo la prima rampa dura "spiana" con un drittone con pendenze al 6/7% in cui forse è più facile piantarsi. Da qui mancano circa 4 km al Muris. Ovviamente difficile se non impossibile aspettarsi qualcosa qui.

La salita clou della tappa ovviamente è il Muris (o monte di Ragogna), salita "regina" della classica di San Daniele. 2,8 km che davvero spaccano le gambe, tra gli Under 23 scollinano sempre non più di 3/4 corridori per volta. Nel 2019 è stata la tappa regina del Giro del Friuli, ed infatti il record di scalata appartiene a Champoussin con 8'35", seguito a pochi secondi da Rubio su Bais. Inutile dire che i pro' demoliranno questi tempi. La parte più dura della salita è quella iniziale, con un doppio tornante dove si tocca il 16%. L'uscita dal tornante è probabilmente il miglior punto per attaccare (qui attaccò Rubio nel '19), infatti nell'ultimo km le pendenze sono sotto il 9% e se qualcuno si pianta nel tratto duro si può far dilatare il distacco.  La discesa non lascia troppo spazio a rientri, sono 4 km veloci con soli due tornanti ampi. 

Da fine discesa a San Daniele sono circa 7 Km in cui c'è poco spazio per rientrare, ci sono diversi sali scendi e molte curve. 

Arrivati a San Daniele, a ridosso dell'ultimo Km c'è lo strappo del macello, 250 metri al 16% che potrebbero essere decisivi in caso arrivi un gruppetto a giocarsi la tappa. Scollinato lo strappo, ci sono 200/300 metri per rifiatare e si approccia il rettilineo finale, 200 metri al 9/10%, solitamente arrivo finale della classica U23.

Considerando distanza e post riposo, se fanno il ritmo già al primo passaggio al secondo qualcuno potrebbe soffrire e staccarsi, ed in questo caso potrebbe volare anche oltre un minuto se davanti si organizzano. Se aspettano l'ultimo giro invece anche chi ha una giornata no può comunque salvarsi.
[Immagine: UKM_1280X852_TAPPA-16.jpg?v=20200922120108]
 
Rispondi


[+] A 8 utenti piace il post di Jussi Veikkanen
#4
Oggi ho fatto il circuito finale sperando di incontrare qualche squadra a fare una sgambata, da Strava sul percorso c'erano solo gli EF, la Lotto Soudal addirittura ha l'Hotel dalle parti di Vittorio Veneto ad oltre un'ora da Udine  Huh


Questa tappa se corsa come si deve farà più disastri che la tappa successiva, l'ultimo km è davvero cattivo. 

Questa un'altra altimetria del Muris, quella originale del Giro è inutilizzabile o quasi  Facepalm

[Immagine: giro-d-italia-2020-stage-16-climb-n4-2f56d35055.jpg]

Unica nota, la distanza corretta è 2.8 km al 10,1%, hanno incluso 200 metri in più che falsano la pendenza media
 
Rispondi


[+] A 1 utente piace il post di Jussi Veikkanen
#5
Dopo di questo non aggiungo più altro su questa tappa, perdonatemi  Asd Asd





Questi sono gli ultimi 200 metri, ci sono pure io nel pubblico, chi mi trova vince un prosciutto  Ghgh
 
Rispondi
#6
(19-10-2020, 09:50 PM)Jussi Veikkanen Ha scritto: Questi sono gli ultimi 200 metri, ci sono pure io nel pubblico, chi mi trova vince un prosciutto  Ghgh


Mmmh... Non ti vedo... E sì che dovrebbe essere facile individuarti per via della carnagione giallo canarino...
 
Rispondi
#7
Un corridore Uae positivo e un membro dello staff Ag2r
 
Rispondi
#8
Gaviria di nuovo positivo dopo la positività di Febbraio mi pare.
 
Rispondi
#9
Stavo pensando che potremmo anche vedere una giornata di ulteriore riposo tra i big lasciando andare la figa. Paradossalmente quello che avrebbe più interesse a fare la tappa è Almeida, il migliore tra i big a Tortoreto e Monselice, che magari vorrebbe togliersi una soddisfazione in maglia rosa intanto che la indossa.

Noto la felicità di Jussi nel vedere il Giro passare sulle strade dei propri allenamenti e devo dire che lo invidio. È da quando sono nato che aspetto il Giro sull'Appennino Parmense, ma sinora, apparte qualche arrivo in volata a Parma città, nulla. Triste
 
Rispondi


[+] A 3 utenti piace il post di Manuel The Volder
#10
Però Fuglsang se non ci prova oggi, rischia di fare un Giro totalmente anonimo.
 
Rispondi
#11
(20-10-2020, 09:11 AM)Italbici Ha scritto: Gaviria di nuovo positivo dopo la positività di Febbraio mi pare.

Questa è una notizia molto brutta. Non tanto per il Giro che vabbè Gaviria in questo Giro non era per niente un fattore...

Per il ragazzo innanzitutto che deve affrontare 'sta sfida un'altra volta. E poi perchè purtroppo dimostra che il virus muta e ci si può riammalare, con evidenti problematiche nel creare un vaccino che sia realmente efficace.
 
Rispondi
#12
28 in fuga: Bidard, Bouchard, Vendrame, Warbasse, Bisolti, Cepeda, Boaro, Felline, Battaglin, Tratnik, Tonelli, Zana, Fabbro, Poljanski, Malecki, Rosskopf, Guerreiro, Whelan, Oldani, Rubio, Samitier, O'Connor, Puccio, Swift, Bernard, Conti, Visconti, Rota
 
Rispondi
#13
Curiosità, Rubio attualmente in fuga un anno fa è stato battuto per due volte In meno di un mese sul medesimo arrivo  Asd  

Prima da Champoussin al Friuli e poi da Aleotti alla coppa S Daniele
 
Rispondi
#14
Sta facendo un suicidio tattico assurdo la ag2r con tre uomini nel gruppo dietro si fidano di Bouchard che sta facendo una fatica immane per rimanere nel gruppetto .....
Povero vendrame
 
Rispondi
#15
Almeida mostra i muscoli, ma non so a cosa possa servire.
 
Rispondi
#16
Almeida ha guadagnato 2 secondi. Probabilmente sa che questo giro verrà giocato sul filo di lana con Kelderman. 

Nibali ha tenuto bene sull'arrivo esplosivo. Forse ha cambiato le pedivelle...  Ghgh
 
Rispondi
#17
Bella vittoria Tratnik, praticamente in casa. O'Connor ha speso l'inverisimile per riportarsi su di lui.
 
Rispondi
#18
Non potete immaginare quanto era cotto Bjerg già dal primo passaggio.

Non so se riuscirà a finire questo Giro.

L'arrivo inganna un po' perché non è arrivato lontanissimo dal gruppo Demare, ma in realtà si è fatto due giri da solo in fondo, soffrendo come un cane.
 
Rispondi
#19
Come hai visto i primi? Hai visto l'allungo di Almeida? Oppure eri in un altro punto?
 
Rispondi
#20
Alla fine ho fatto mille analisi del percorso per una passerella  Asd Asd Peccato perchè il percorso meritava, se invece dell'allungo si fossero mossi prima potevano uscire bei distacchi, Fuglsang e Kelderman mi sono sembrati un po' appannati all'arrivo.

Poi Lambo risponderà per sè se ha percepito qualcosa, eravamo ad inizio Muris e purtroppo anche all'ultimo passaggio erano ancora in 25/30, troppi per percepire qualcosa. 

Unici che ho visto male sono Vanhoucke, staccato da Demare e faticava a salire, ma soprattutto Bjerg, già al primo passaggio ad oltre 60 dall'arrivo si stava staccando, all'ultimo giro non andava su. 

Della fuga ho visto tutti molto al limite, Boaro avevo subito capito che si sarebbe staccato perchè non aveva una bella faccia, invece avevo visto già al secondo passaggio un O'Connor molto in palla. 


Della fuga ho visto stanco Visconti, ma soprattutto Guerreiro, faceva una fatica tremenda a salire, penso che non sarà affar suo la maglia blu.
 
Rispondi


[+] A 1 utente piace il post di Jussi Veikkanen
  


Vai al forum:


Utente(i) che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)