Login Registrati Connettiti via Facebook



Non sei registrato o connesso al forum.
Effettua la registrazione gratuita o il login per poter sfruttare tutte le funzionalità del forum e rimuovere ogni forma di pubblicità invasiva.

Condividi:
Vuelta, Rodriguez: non mi nascondo, parto per vincere
#1
Vuelta, Rodriguez: non mi nascondo, parto per vincere
Dopo il recente successo nella Vuelta a Burgos, Joaquim Rodriguez arriva alla Vuelta come uno dei favorti e punta a vincere il suo primo grande Giro a 32 anni.
«Non nascondo che sto bene e che punto a vincere. Ci aspettano venti giorni difficili, ma ho lavorato molto per puntare a migliorare il quarto posto dello scorso anno. Dopo la Vuelta a Burgos, mi sono allenato duramente ad Andorra. Non sono andato in ispezione sulle strade della Vuelta, le conosco praticamente tutte e so che sarà una corsa dura sin dall’inizio, visto che a Sierra Nevada arriveremo già alla quarta tappa».
Scalatore esplosivo, Rodriguez ha nella crono il suo tallone d’achille e guarda con preoccupazione alla prova di Salamanca.
«Ho migliorato le mie performance al Giro e al Delfinato ma non sono certo uno specialista. Ho lavorato per migliorare il risultato di un anno fa a Penafiel, che fu molto deludente (concesse 6’12’’ a Peter Velits e 4’18’’ a Nibali, in 46 chilometri, ndr). La sola cosa che importa è arrivare a Madrid senza rimpianti. Avversari? Ne vedo tanti e ambiziosi: Menchov, Nibali, Scarponi, Antón, Brajkovic, Wiggins, e via dicendo. Ma sono ottimista perché pedalo forte e lo stesso fanno i miei compagni di squadra, in particolare Dani Moreno, Joan Horrach e Alberto Losada».

tuttobiciweb.it
 
Rispondi
#2
[/quote]
Citazione:La sola cosa che importa è arrivare a Madrid senza rimpianti
Sono sicuro che sarà cosi,anche se non arriverà la vittoria ce la metterà tutta

 
Rispondi
#3
la cosa certa è che darà spettacolo in montagna, non su tutte forse ma fra i pretendenti della corsa è quello che ha la sparata micidiale, duarte permettendo Ave
 
Rispondi
#4
Sono d'accordo,sono due corridori che mi piacciono molto

Occhio che anche Anton e Scarponi hanno lo spunto buono,il primo forse è sottovalutato sotto il punto di vista pendenza/esplosività
 
Rispondi
#5
(16-08-2011, 08:57 PM)ElPurito95 Ha scritto: Sono d'accordo,sono due corridori che mi piacciono molto

Occhio che anche Anton e Scarponi hanno lo spunto buono,il primo forse è sottovalutato sotto il punto di vista pendenza/esplosività

anton riesce a tenere sempre lo stesso ritmo costante in salita se sta bene, vedi zoncolan Sisi ma credo che rispetto a rodriguez è un pochino inferiore nello spunto veloce
 
Rispondi
#6
Dico che al 90% arriverà in amarillo alla crono, poi si vedrà :D
Sempre se non fa come al Giro che fa uno scatto fulmineo e si impianta Asd
 
Rispondi
#7
Anche io credo che arrivera in maglia roja alla crono poi si vedra, anche se dai suoi favoriti togliere Wiggins, nelle salite dure paga sempre e molto.
 
Rispondi
#8
Dopo la crono ci sono comunque altre salite,deve limitare più possibile i danni,è difficile

Bisognerà cercare di dare un 30" ad Anton nella Cronosquadre,sarebbe già qualcosa,anche se 13 Km sono pochi
 
Rispondi
#9
Il problema è che in salita non è così devastante da dare 5 minuti a tutti, può guadagnare al massimo 10'' a tappa (e di sicuro arriverà una tappa in cui perderà anche in salita perchè è sempre successo). Poi rispetto all'anno scorso ci sono Anton, Menchov, Scarponi e tutti gli altri, che in salita non li stacchi. Per me non ha alcuna possibilità di vincere (nè di arrivare sul podio se devo dire la mia, anche se questo dipende dagli altri principalmente)
 
Rispondi
#10
Non esiste nessuno cosi devastante in questo ciclismo,i valori si sono livellati,ecco perchè 40/50 Km di crono sono troppi
 
Rispondi
  


Vai al forum:


Utente(i) che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)