Login Registrati Connettiti via Facebook



Non sei registrato o connesso al forum.
Effettua la registrazione gratuita o il login per poter sfruttare tutte le funzionalità del forum e rimuovere ogni forma di pubblicità invasiva.

Condividi:
Wouter Weylandt
#1
 
Rispondi
#2
Weylandt. Domani l'autopsia e per la corsa...
Wouter Weylandt riposa nella camera mortuaria dell'ospedale di Lavagna, in attesa dell'autopsia che verrà effettuata dal medico legale Armando Mannucci della Asl 4 chiavarese. Il direttore del Giro Angelo Zomegnan è rientrato a Malpensa per accogliere la moglie del corridore, Anne Sophie, ed il padre.
«I corridori mi hanno fatto sapere che il montepremi della tappa di domani sarà destinato alla famiglia di Wouter - ha annunciato Angelo Zomegnan -. Sappiamo che i corridori vogliono disputare la corsa anche se con una modalità diversa dal solito. Rispetteremo le loro decisioni, sia della Leopard che del resto del gruppo. Ho parlato con diversi corridori che vogliono domani correre la competizione a ritmo sostenuto e dare poi il via libera alla Leopard. Prima di entrare nei dettagli della giornata di domani, comunque, vogliamo parlare con i familiari del povero Weylandt».

tuttobiciweb.it
 
Rispondi
#3
Riposa in pace...
 
Rispondi
#4
Ciao CAMPIONE!!! Heart
 
Rispondi
#5
Wouter, velocista guascone. Vinse al Giro l'anno scorso.

BRUXELLES (Bel), 9 maggio 2011 - Venticinque chilometri dal traguardo, salita di Madonna della Grazie appena archiviata ed ecco il dramma. Tremenda la caduta del belga Wouter Weylandt. Insostenibili le immagini che mostrano un corridore, ma anzitutto un ragazzo privo di sensi, circondato dal sangue, che si sparge rapidamente sull'asfalto a segnare l'inevitabile, drammatico epilogo. E dire che il forfait della Pantera (Daniele Bennati) a pochi giorni dal via della corsa rosa, doveva proprio essere la chance di brillare da prima punto per Wouter Weylandt (26 anni), che in coppia con Davide Viganò formava la coppia d’assi del Team Leopard. Purtroppo il destino li ha appena tolto la chance di bissare il successo ottenuto nella 3ª tappa del Giro 2010, a Middelburg (Ola).

LA CARRIERA — Fiammingo nato a Gand il 27 settembre 1984, Weylandt era tifato da valloni e fiamminghi per il suo carattere simpatico e la sua giovialita. Passato professionista nel 2005, con la Quick Step, l'anno dopo comincia a farsi notare per le sue qualità da velocista e anche se non ottiene alcuna vittoria di rilievo vince la classifica a punti del Giro di Polonia. Nel 2007 i primi successi importanti: Weylandt si aggiudica una tappa al Giro di Belgio, una all'Eneco Tour, una allo Ster Elektrotoer e chiude al 2° posto la Tre Giorni delle Fiandre Occidentali. Nel suo palmarès si contano 12 vittorie, tra le quali la 17ª tappa della Vuelta 2008 e appunta la 3ª del Giro 2010, la Amsterdam-Middelburg di 224 chilometri, battendo in volata Brown e Forster, e poi la quarta frazione del Circuito Franco-Belga. Mica male per un ragazzo abituato a lavorare per l'ex capitano Tom Boonen. Dopo sette anni trascorsi sotto gli ordini di Patrick Lefevere questa per Weylandt doveva essere la stagione del salto di qualità con il team lussemburghese dei fratelli Schleck.

(Gazzetta.it)
 
Rispondi
#6
108 Presente

http://www.ilnuovociclismo.it/
http://www.ilnuovociclismo.it/108-presente/
 
Rispondi
#7
R.I.P. e condoglianze ai familiari, lassu' troverai una biciletta ancora piu' veloce! Heart
 
Rispondi
#8
Tyler Farrar ha deciso di lasciare il Giro d'Italia questa sera a Livorno: «Wouter per me era come un fratello, quindi ho deciso di fermarmi questa sera per rientrare con lui in Belgio ed essere vicino alla sua famiglia, ai suoi cari. La sua morte segna una svolta irreversibile nella mia vita, ma quel che più conta ora è la sua famiglia, sono i suoi amici. Wouter era una delle persone più amabili, divertenti e ammirabili che io abbia mai conosciuto. Wouter era ed è l'anima di questo sport che tutti noi amiamo: io lo ricorderò sempre e sempre mi sforzerò di far sì che possa essere orgoglioso di me, così come lui è stato l'orgoglio del ciclismo e di tutti i suoi tifosi».(TUTTOBICIWEB.IT)

Kurt Hovelijnck ha deciso di fermarsi. Troppo dura da digerire la tragica scomparsa del suo grande amico Wouter Weylandt, il ragazzo che gli aveva salvato la vita nel 2009 dopo un terribile incidente che poi avrebbe costretto Kurt a subire un coma artificiale per tre settimane. Trent'anni, Hovelijnck era ripartito con la maglia della Donckers-Koffie, ma oggi ha annunciato ufficialmente che la sua avventura nel ciclismo finisce qui.(TUTTOBICIWEB.IT)

Ciò che hanno fatto questi 2 corridori, ci fa capire che Wouter non era solo un grande in bici, ma anche un grande nella vita di tutti i giorni, una persona eccezionale sempre disposto ad aiutare il prossimo. Addio per sempre CAMPIONE :angel:
 
Rispondi
#9
Più ci pensi e più piangi,cavoli questa è l'umanità del Ciclismo.Ripartire non sarà per nulla facile,mi sento a pezzi io che non lo conoscevo,figurarsi in gruppo...
Spero venga onorato come meglio avrebbe voluto,con una gara avvincente e tenace,esattamente com'era nel suo stile.

Ci accorgiamo del valore di qualcosa solo quando la perdiamo,e noi abbiamo perso te...Wouter veglia su di noi e sul gruppo,ora pedala nel cielo con i Grandi!
 
Rispondi
#10
Il brutto della morte, è che non puoi piu' sentire in nessun modo una persona, puoi solo immaginare.
Farrar è stato accolto in mezzo alla Leopard ed è un gran gesto per il ciclismo e si è fermato CON TUTTE le giustificazioni del Mondo. Dio si prende sempre i migliori, ormai c'è poco da fare, tutti sono i migliori per qualcuno e questo è positivo, altrimenti ci sarebbero persone sole. Il commento svizzero ha parlato per tutto il tempo dell'accaduto, gli si è dato l'omaggio che meritava e ora, show must go on, che in fondo è quello che ogni defunto vuole, anche se non meritava quello che gli è successo. Non lo dico con energia, lo dico piangendo, è nella squadra del mio idolo che , lui stesso, è rimasto shockato e tristissimo (v. twitter). Che ti sia dato onore e soddisfazioni lassu', che tu possa capire quanto eri, sei e sarai importante.
Addio Wouter, grazie di tutto.
 
Rispondi
  


Vai al forum:


Utente(i) che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)