Login Registrati Connettiti via Facebook



Non sei registrato o connesso al forum.
Effettua la registrazione gratuita o il login per poter sfruttare tutte le funzionalità del forum e rimuovere ogni forma di pubblicità invasiva.

Condividi:
Katusha Team 2016
#1
Presentazione del Katusha Team per la stagione 2016: i corridori che andranno a comporre l'organico della squadra; la composizione dello staff tecnico; l'abbigliamento tecnico (maglia, completo) e il materiale tecnico (biciclette, componentistica); il calendario delle corse.

Katusha Team
Russia



Informazioni
Sigla UCI: KAT
Licenza: World Tour
Affiliazione: Russia

Indirizzo:
Katusha Management SA
8, rue du Nant
1207 Genève 6
SWITZERLAND
divisa





Organico
Maxim Belkov
Sven Erik Bystrøm
Sergei Chernetckii
Jacopo Guarnieri
Marco Haller
Vladimir Isaychev
Pavel Kochetkov
Dmitry Kozonchuk
Alexander Kristoff
Viacheslav Kuznetsov
Sergey Lagutin
Alberto Losada
Tiago Machado
Matvey Mamykin
Michael Morkov
Nils Politt
Alexander Porsev
Jonathan Restrepo
Joaquim Rodirguez
Egor Silin
Simon Spilak
Rein Taaramae
Alexey Tsatevich
Jurgen Van den Broeck
Angel Vicioso
Eduard Vorganov
Anton Vorobyev
Ilnur Zakarin



Staff tecnico
General Manager: Viacheslav Ekimov

Direttori Sportivi: José Azevedo, Claudio Cozzi, Xavier Florencio, Dmitry Konyshev, Gennady Mikhaylov, Torsten Schmidt.

Biciclette: Ridley






 
Rispondi
#2
Rinnovati i contratti di Belkov, Kochetkov, Kozonchuk e Tsatevitch, la Katusha ha annunciato di aver chiuso la propria rosa in vista della stagione 2016.

I russi hanno operato sul mercato assicurandosi le prestazioni di due esperti uomini da corse a tappe come Rein Taaramae (Astana) e Jurgen Van den Broeck (Lotto-Soudal), un solido gregario del calibro di Michael Morkov (Tinkoff-Saxo) e giovani come Matvey Mamykin (Itera), Jonathan Restrepo (Colombia-Coldeportes) e Nils Politt (Stölting).

Dall'altro lato, sono dati in uscita i già accasati Yuri Trofimov (Tinkoff) e Selig (Bora), oltre a Daniel Moreno, Smukulis e Kolobnev. Sospesi nel corso del 2015, a causa delle note positività, sia Luca Paolini che Giampaolo Caruso, l'unico italiano attualmente in organico rimane Jacopo Guarnieri, fedele apripista di Alexander Kristoff.

Katusha Team 2016

Nuovi acquisti: Rein Taaramae (Astana), Jurgen Van den Broeck (Lotto-Soudal), Michael Morkov (Tinkoff-Saxo), Matvey Mamykin (Itera), Jonathan Restrepo (Colombia-Coldeportes), Nils Politt (Stölting).

Confermati: Maxim Belkov, Sven Erik Bystrøm, Sergei Chernetckii, Jacopo Guarnieri, Marco Haller, Vladimir Isaychev, Pavel Kochetkov, Dmitry Kozonchuk, Alexander Kristoff, Viacheslav Kuznetsov, Sergey Lagutin, Alberto Losada, Tiago Machado, Alexander Porsev, Joaquim Rodriguez, Egor Silin, Simon Spilak, Alexey Tsatevich, Angel Vicioso, Eduard Vorganov, Anton Vorobyev, Ilnur Zakarin.
 
Rispondi
#3
Passi il mercato per gli uomini da corse a tappe, che ci può stare; Sese ma vedere che a Kristoff, dopo una stagione del genere, hanno preso solo Morkov è davvero assurdo. Tra l'altro ha perso pure Paolini, uscendone quindi indebolito. Facepalm Probabilmente non credono in una sua lunga permanenza in squadra, visto che ha voluto firmare solo un annuale: è l'unica spiegazione che sono riuscito a trovare... Sgrat Sgrat Boh
 
Rispondi
#4
Bisogna anche considerare che di corridori che possono fare la differenza sul pavé come gregari ce ne sono pochi, in più molti probabilmente non sono disposti ad andare in una squadra in cui si dovranno sacrificare da gennaio a ottobre. I corridori da pavé che si sono mossi quest'anno sono Eisel, Chavanel, Breschel e non mi pare molti altri, poi vabè puoi prendere il Selvaggi di turno ma non fa la differenza, tanto vale seguire un'altra linea (anche se prendere VdB mi sembra una linea senza senso). Comunque oggettivamente la squadra di Kristoff si è indebolita, però almeno non si sono rinforzate le altre squadre, la Etixx avrà il solito blocco mostruoso ma finché non lo sfruttano...
 
Rispondi
#5
Arrivi

Michael Morkov
Jurgen Van den Broeck
Rein Taaramae
Matvei Mamykin
Jonathan Restrepo
Nils Politt

Partenze

Daniel Moreno
Gatis Smukulis
Rudiger Selig
Yuri Trofimov
Aleksandr Kolobnev
Giampaolo Caruso
Luca Paolini

Hanno migliorato la squadra? Obiettivamente, la squadra è peggiorata, non tanto per le partenze, quanto per squalifiche e ritiri. Ok, perdere Daniel Moreno è pesante, sopratutto visto che è andato in una squadra che è da sempre una diretta rivale per quasi tutte le corse. Però sappiamo qual'era stato il contributo di Moreno alle vittorie di Rodriguez, praticamente nullo. Invece il contributo di Paolini alle vittorie di Kristoff è stato molto più consistente. Poi non è detto che Paolini non torni, anche se ho enormi dubbi in merito. La squadra per i grandi giri perde pedine importantissime come Smukulis, Trofimov e Caruso, tutta gente che portava solidità, esperienza e pure buonissime prestazioni. 
L'idea sembra essere stata quella di sostituire i partenti, ad esempio Morkov al posto di Smukulis, VdB al posto di Trofimov e Taaramae al posto di Moreno. Rimangono insostituiti Kolobok, Paolini e Caruso e comunque le sostituzioni non è detto che siano eque, anzi ho molti dubbi. VdB e Taaramae non garantiscono i risultati di Moreno neanche insieme, in più sono due corridori per nulla affidabili. VdB in salita ormai è fermo, mentre è migliorato a cronometro ma è comunque piuttosto scarso, al momento lo vedo come un vagone per la cronosquadre, nulla di più. 
Poi ci sono i giovani. Mamykin e Restrepo, su entrambi bisogna rimandare il giudizio, il primo è russo e chissà, non ci si capisce mai niente, il secondo non ha praticamente mai corso in Europa. Invece più affidabile Politt, ma non è sembrato sto gran campione in erba, anzi. 

Cosa manca? Gregari di lusso per Kristoff e Rodriguez, di quelli che ti fanno la differenza a 10 km dalla fine, ad esempio dopo il Poggio o salendo verso Ans. Però è anche vero che è difficile trovare 4-5 corridori così in tutto il mondo, figuriamoci se c'erano solo tra i corridori disponibili a cambiare squadra. Leukemans non è adatto a quel ruolo, non è un gregario e ormai è vecchio. Non era adatto neanche Gasparotto, sennò non finiva alla Wanty. Bisogna farli crescere in casa, ad esempio Guarnieri potrebbe migliorare nelle Classiche del Nord, in attesa di Bystrom. Invece in salita Silin potrebbe far bene. Ma anche no.
 
Rispondi
#6
Per le cronosquadre, più che un vagone, servrebbero un paio di locomotive: da quando è andato via Piva han perso tanto terreno nella disciplina.

Taaramae invece mi stuzzica di più. Sese

Comunque han preso dei colpi pazzeschi a 'sto giro: letteralmente, eh. Non nel senso di affari Asd. Un altro ingaggio servirebbe come l'oro: Ballan al posto di Paolini potrebbe essere un opzione interessante. Ma, ora come ora, proverei anche una scommessa Pozzato, ovviamente solo se ben consapevole del suo nuovo ruolo di gregario/seconda punta... Sisi

Metti che prossimo anno Kristoff ha qualche problema, non riesce a ripetersi ecc, vedo pochissima gente che possa salvare 'sta squadra. Magari l'esplosione di Zakarin potrebbe tappare qualche falla; oppure un Machado o uno Tsatevich un attimino più protagonisti, uno Spilak più continuo. Ma il rischio che la Katusha possa essere la delusione del 2016 per me è abbastanza altino. Mmm
 
Rispondi
#7
Il Team Katusha ha annunciato che dal 1 al 13 dicembre la squadra si troverà in ritiro a Calpe, in Spagna. La presentazione a sponsor e stampa avverrà al termine di questo periodo, esattamente il 12 dicembre.

Nel comunicato stampa è stato inoltre presentato il nuovo logo e soprattutto la volontà di internazionalizzare il brand Katusha, probabilmente come presa di distanza dallo scandalo doping che sta investendo gran parte del panorama sportivo russo.
 
Rispondi
#8
Una K gigante e sempre più rosso sulla divisa della Katusha per la stagione 2016
È stata presentata ufficialmente oggi la maglia della Katusha per la stagione 2016: la formazione russa di Joaquim Rodríguez si vestirà quasi interamente di rosso con dei piccoli bordini bianchi sulle maniche e sui pantaloncini. La divisa, partendo proprio dalla scritta Katusha, è molto più semplice e pulita rispetto al passato: impossibile non notare la gigante K bianca, la sfumatura di rosso più scura che collega la parte bassa della maglia ai pantaloncini.

[Immagine: 15magliakatusha16.jpg]

cicloweb.it
 
Rispondi
#9
Molto bella, mettere il logo è una scelta intelligente e i colori sono brillanti, sicuramente si riconoscerà bene
 
Rispondi
#10
Anche a me non dispiace affatto, anche se l' enorme K davanti l'avrei evitata: quella che c'è dietro basta ed avanza.

[Immagine: CWC6wbOWoAAavwe.jpg]

Sese
 
Rispondi
  


Vai al forum:


Utente(i) che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)