Login Registrati Connettiti via Facebook



Non sei registrato o connesso al forum.
Effettua la registrazione gratuita o il login per poter sfruttare tutte le funzionalità del forum e rimuovere ogni forma di pubblicità invasiva.

Condividi:
Mikel Nieve
#1
Scheda del corridore Mikel Nieve: carriera, biografia, squadre, palmares, vittorie, piazzamenti, video, facebook, twitter.

Mikel Nieve




Nome completoMikel Nieve Iturralde
Soprannome-
Data di nascita26 maggio 1984
Luogo di nascitaLeitza (Spagna)
Altezza e Peso178 cm x 71 kg
CaratteristicheScalatore
Professionista dal2008

SquadraTeam Sky
Stipendio- €
Scadenza contratto2017


Biografia
Mikel Nieve Iturralde (Leitza, 26 maggio 1984) è un ciclista su strada spagnolo che corre per il Team Sky. Professionista dal 2009, ha caratteristiche di scalatore. In carriera ha vinto una tappa alla Vuelta a España 2010 e al Giro d'Italia 2011.

Gli esordi

Nativo della Navarra, corre fra il 2003 e il 2007 come dilettante nella formazione Club Ciclista Burunda. Inizialmente fatica a mettersi in luce nella categoria ma mano mano acquista maggiore esperienza e finisce per segnalarsi come uno dei giovani più interessanti del panorama spagnolo. Nel 2007 riesce ad aggiudicarsi l'importante prova dilettantistica Cursa de Llobregat, prova valida anche per la Coppa di Spagna di Ciclismo che chiuderà a fine anno al secondo posto assoluto.

Le buone prestazioni gli valgono l'interessamento della squadra basca Euskaltel-Euskadi, una delle più importanti compagini professionistiche spagnole dell'epoca, che lo gira in prestito alla sua "filiale giovanile", la Orbea-Oreka, facendolo quindi debuttare nelle corse per Elite. Nieve conferma, subito, le aspettative risposte in lui segnalandosi come miglior neoprofessionista nella Bicicletta Basca 2008, ottenendo alcuni buoni piazzamenti nelle principali corse spagnole ed anche un terzo posto in un corsa minore, il Cinturó de l'Empordà. I risultati conseguiti gli valgono, a fine stagione, il passaggio definitivo nella Euskaltel-Euskadi.

2009-2013: Euskaltel-Euskadi

Il 2009 è un anno, il primo per lui da pro', necessario soprattutto per fare esperienza: Nieve svolge spesso il ruolo di gregario per i compagni più esperti e quotati, quali Igor Antón, Iñigo Landaluze, Mikel Astarloza e Samuel Sánchez, e partecipa per la prima volta ad alcune delle più importanti corse del mondo, come la Vuelta al País Vasco, nella quale si ritira prima dell'ultima tappa, ed il Critérium du Dauphiné Libéré, concluso al quarantasettesimo posto.

Nel 2010 partecipa per la prima volta in carriera ad un grande Giro, la Vuelta a España, in appoggio ad Antón, capitano designato per la generale, tuttavia quando questi, in maglia di leader, è costretto al ritiro – nel corso della quattordicesima tappa, a causa di una violenta caduta in discesa – Nieve è libero di fare gara propria e di ottenere la prima vittoria da professionista, aggiudicandosi la tappa regina di quell'edizione, la sedicesima, con arrivo sulla salita di Cotobello. Dopo essere stato in fuga a lungo con altri cinque corridori, ai piedi dell'ascesa finale, stacca i compagni d'avventura e vince con un'azione in solitaria. Concludera decimo nella classifica generale finale. A fine stagione pertecipa anche al Giro di Lombardia, che conclude settimo.

Non dovrà aspettare molto per alzare ancora le braccia al cielo, infatti il 22 maggio 2011 vince, nuovamente al termine di una lunga fuga, la tappa dolomitica del Giro d'Italia, con arrivo sul Gardeccia. Anche qui termina con una grande azione solitaria, riuscendo prima a raggiungere Stefano Garzelli, per poi staccarlo all'inizio dell'ultima salita a sei chilometri dal traguardo.[2] Nel grande giro italiano è sempre fra i protagonisti nelle tappe di montagna, ed infatti già nella quattordicesima tappa con arrivo sul Monte Zoncolan, vinta dal suo compagno Antón, si era piazzato fra i primi, concludendo settimo. Terminerà la corsa rosa al decimo posto assoluto. A settembre dello stesso anno partecipa anche alla Vuelta a España, e pur non riuscendo ad aggiudicarsi tappe, ripete le buoni prestazioni dell'anno precedente concludendo ancora decimo nella graduatoria generale finale. Anche in questa edizione del grande Giro spagnolo parte inizialmente in appoggio di Antón, ma la sfortuna e la cattiva condizione del suo capitano, evidenziata palesemente con il pesante ritardo accumulato nella lunga cronometro di Salamanca, gli permettono di ottenere i gradi di capitano.

Nel 2012 si presenta nuovamente al Giro d'Italia, e per la prima volta è designato sin dalla partenza capitano, tuttavia questa volta la sua prova vive di alti e bassi. Dopo un nono posto nella settima frazione con arrivo a Rocca di Cambio, non riesce ad avere particolari acuti fino alla ventesima tappa con arrivo al Passo dello Stelvio in cui, approfittando del marcamento fra i primissimi della generale riesce ad evadere e concludere terzo, alle spalle deldal vincitore Thomas De Gendt e di Damiano Cunego. Chiuderà comunque ancora decimo nella classifica generale. Uscito dal Giro con una buona condizione, partecipa al Tour de Suisse. In una corsa molto fluida ed imprevedibile fino all'ultima frazione, Nieve ottiene un secondo posto nell'ottava tappa, vinta da Michael Albasini, ed è quinto nella classifica generale finale, a quaranta secondi di distanza dal vincitore Rui Costa, ed ad appena diciannove secondi dal podio.

Nel 2013 partecipa per la prima volta al Tour de France con l'obiettivo di centrare un successo di tappa e curare per quanto possibile la classifica generale, che chiuderà al dodicesimo posto. Sono sempre le tappe di alta montagna quelle dove riesce a mettersi in vista, in particolar modo è nella quindicesima frazione, con arrivo al Mont Ventoux, che ottiene il miglior piazzamento, concludendo terzo a poco più di un minuto dal vincitore Chris Froome, dominatore di quell'edizione della corsa francese[1]. Ad agosto ottiene ancora un risultato di rilievo, questa volta non in una gara a tappe ma in una corsa in linea. Nella più importante classica spagnola, la Clásica San Sebastián, riesce ad arrivare quarto. Partecipa quindi alla Vuelta a España, senza velleità personali ma come appoggio a Samuel Sánchez; terminerà la corsa lontano dalle posizioni di rilievo.

Dal 2014: Team Sky

Alla fine della stagione 2013, in seguito allo scioglimento del team Euskaltel-Euskadi, firma un contratto con la formazione britannica Sky. Con la nuova maglia inizia la stagione 2014 svolgendo prevalentemente il compito di gregario, soprattutto per il capitano Chris Froome, aiutandolo nei successi al Tour of Oman e al Tour de Romandie. Nel mese di giugno corre in appoggio a Froome anche al Critérium du Dauphiné, distinguendosi per la sua solidità in montagna. Nel corso della gara è l'unico del Team Sky a riuscire a dare un concreto apporto a Froome nelle tappe montane. Questa buona condizione gli permette, durante l'ultima frazione – dopo essere stato lanciato in fuga come appoggio a Froome per un eventuale attacco sulla salita finale di Courchevel – di vincere la tappa e tornare al successo dopo circa tre anni, e successivamente di concludere all'ottavo posto in classifica.

Anche al Tour de France il compito di Nieve è quello di aiutare Froome nelle tappe di montagna. Tuttavia nella quinta tappa, caratterizzata da diversi tratti di pavé, Froome, che già era caduto il giorno precedente, è costretto al ritiro a seguito di due nuove cadute causate dall'asfalto viscido per la pioggia. Il Team Sky punta allora su Richie Porte: l'australiano però si stacca, accusando un pesante ritardo nella tredicesima tappa, quella alpina con arrivo a Chamrousse. Senza più un capitano per la classifica, gli uomini del Team Sky sono liberi di fare la propria corsa e cercare di raccogliere un successo di tappa. Nieve ci prova nella diciottesima frazione, l'ultima di montagna, sui Pirenei. Rimasto da solo in testa dopo una lunga fuga (che gli varrà il Premio della combattività per quella tappa), viene ripreso negli ultimi chilometri dalla maglia gialla Vincenzo Nibali, poi vincitore, e dagli altri uomini di classifica.

Pochi giorni dopo la fine del Tour partecipa alla Clásica San Sebastián. La gara viene corsa ad alti ritmi fin dall'inizio, ed esplode definitivamente sull'ultimo strappo, il Bordako Tontorra. Davanti restano in cinque, Nieve, Joaquim Rodríguez, Alejandro Valverde, Adam Yates e Bauke Mollema. Valverde piazza lo scatto decisivo in discesa, Yates cade, mentre gli altri tre perdono l'attimo. Vince Valverde, Nieve conclude quarto.

(tratto da it.wikipedia.org)



Squadre


Palmares




Hanno partecipato alla realizzazione di questa scheda: SarriTheBest
 
Rispondi
#2
Il corridore navarro Mikel Nieve, 28enne alla quinta stagione alla Euskaltel, ha stilato un programma tutto nuovo in vista del 2013: non più un calendario focalizzato su Giro e Vuelta (come è accaduto negli ultimi anni), bensì proverà a far bene nelle brevi corse a tappe e, per i GT, si concentrerà sul Tour de France.

La sua stagione comincerà con il Challenge Mallorca (3-6 Febbraio) o con il Tour del Mediterráneo (6-10 Febbraio), per poi proseguire con Vuelta a Andalucía (17-21 Febbraio), París-Niza (3-10 Marzo), suo primo grande obiettivo, Volta a Catalunya (18-24 Marzo), GP Miguel Indurain (30 Marzo), Vuelta a Castilla y León (10-14 Aprile) e Tour de Romandía (23-28 Aprile). Nella seconda parte di stagione - come già detto - farà il suo debutto al Tour de France, e solo in seguito deciderà se partecipare o meno anche alla Vuelta a España.

Fino ad oggi Nieve si è dimostrato un corridore molto regolare, piazzandosi sempre ai Grandi Giri a cui ha partecipato (12º Vuelta 2010, 11º Giro 2011, 10º Vuelta 2011 e 10º Giro 2012) e togliendosi delle belle soddisfazioni come la vittoria della tappa dell'Alto de Cotobello della Vuelta 2010 e quella del Gardeccia del Giro 2011.

http://www.biciciclismo.com/cas/site/not...p?id=58202
 
Rispondi
#3
Nieve: pronto a lavorare in salita per i capitani
«Ho già cominciato a lavorare per essere pronto»

Mikel Nieve è pronto a ripartire con il Team Sky, dopo cinque anni importanti vissuti con la Euskaltel-Euskadi.
«Ho già cominciato a lavorare - spiega il ventinovenne spagnolo - dopo quasi due mesi di stop: inizio graduale, con esercizi in palestra e uscite su strada o in mountain bike. Rob Ellingworth (responsabile della preparazione in casa Sky) mi ha detto di fare cose facili, fino a quando cominceremo a lavorare più seriamente. Il primo raduno è previsto nel mese di dicembre a Maiorca.
E ancora: «Affronto la nuova stagione con rispetto ed entusiasmo, perché tutto sarà nuovo per me e ci sono ottimi corridori, a partire dagli ultimi due vincitori del Tour della Francia, Wiggins e Froome, e Porte: io avrò la responsabilità di lavorare per loro. Mi chiedono di essere al loro fianco in montagna».
L'ex Euskaltel guarda con preoccupazione, invece, ai suoi ex compagni di squadra: «La verità è che mi sento fortunato per aver risolto velocemente il mio problema, perch la situazione è molto brutta e molti amici sono ancora in attesa di trovare squadra».

tuttobiciweb.it
 
Rispondi
#4
Se lavora come per Contador sul Ventoux non ha problemi :P
 
Rispondi
#5
Definito il calendario 2015 di Mikel Nieve: il Tour e la Vuelta saranno gli snodi fondamentali della stagione del 30enne navarro.

Vuelta a Andalucía, Tirreno-Adriatico, Vuelta al País Vasco, classiche delle Ardenne, Critérium Dauphiné, Tour de France, Klasika Donostia e Vuelta a España.

A differenza del 2014, Nieve aprirà la stagione in Andalusia invece che in Oman e inoltre sarà al via delle classiche nelle Ardenne. Nel suo palmares spiccano una vittoria di tappa alla Vuelta a España (2010) e al Giro d'Italia (2011); ha concluso al 10º posto il Giro d'Italia per due volte (2011 e 2012), 10º alla Vuelta (2011) e 12º al Tour de France (2013).
 
Rispondi
#6
Mikel Nieve ha annunciato sul suo profilo Twitter il rinnovo con la Sky fino al 2017.

¡Contento de seguir vistiendo este maillot durante los próximos 2 años! @TeamSky
 
Rispondi
#7
Nel calendario per la prossima stagione di Mikel Nieve tornerà il Tour de France, dopo che nel 2015 il basco aveva disputato Giro (17°) e Vuelta (8°). Ovviamente sarà presente anche alla Vuelta a España, saltata solamente nel 2012: è stato decimo nel 2010 e 2011, 23º nel 2013, 12º nel 2014 e ottavo nel 2015. Nel primo appuntamento sarà uno dei gregari principali del due volte maglia gialla Chris Froome, mentre nella corsa di casa dovrebbe avere la possibilità di disputare la propria corsa.

Il calendario completo di Nieve per il 2016: Volta a la Comunitat Valenciana, Vuelta a Andalucía, Tirreno-Adriatico, Volta a Catalunya o Vuelta al País Vasco, classiche delle Ardenne, Critérium Dauphiné, Tour de France, Clásica San Sebastián e Vuelta a España.
 
Rispondi
  


Vai al forum:


Utente(i) che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)