Login Registrati Connettiti via Facebook



Non sei registrato o connesso al forum.
Effettua la registrazione gratuita o il login per poter sfruttare tutte le funzionalità del forum e rimuovere ogni forma di pubblicità invasiva.

Condividi:
Julian Arredondo
#1

Julian Arredondo




Nome completoJulián David Arredondo Moreno
Soprannome-
Data di nascita30 luglio 1988
Luogo di nascitaCiudad Bolívar (Colombia)
Altezza e Peso164 cm x 58 kg
CaratteristicheScalatore
Professionista dal2012

SquadraTrek - Segafredo
Stipendio- €
Scadenza contratto2016


Biografia
Julián David Arredondo Moreno (Ciudad Bolívar, 30 luglio 1988) è un ciclista su strada colombiano che corre per il team Trek Factory Racing. Ha caratteristiche di scalatore, ed è professionista dal 2012.

Corre tra gli Under-23 nelle Marche con il Massi Team nel 2008 e nel 2009, mentre nel biennio 2010-2011 è in rosa con il Team SCAP-Prefabbricati Foresi. Nel 2010 vince il Gran Premio Folignano e partecipa alla prova in linea Under-23 dei campionati del mondo di Melbourne, in Australia, concludendo 72º. Grazie ai sette successi nella categoria, firma un contratto da professionista nel 2012 con il Team Nippo, guidato dal team manager Andrea Tonti.

Prende parte nel marzo 2012 alla sua prima corsa a tappe da pro, la Settimana Internazionale di Coppi e Bartali. Il 23 maggio vince la sua prima gara da professionista, trionfando nella terza tappa del Tour of Japan davanti al compagno di squadra Fortunato Baliani. Conclude la corsa a tappe giapponese sul secondo gradino del podio, con un ritardo nella generale di 22 secondi dallo stesso Baliani. È poi ancora protagonista al Tour de Kumano, dove vince la maglia di miglior scalatore piazzandosi al secondo posto finale.

Nel 2013, sempre in maglia Nippo-De Rosa, è di nuovo protagonista in Asia: si aggiudica infatti una tappa e la classifica finale del Tour de Langkawi, e una tappa e la graduatoria finale del Tour de Kumano[1], piazzandosi inoltre secondo, alle spalle del solo Fortunato Baliani (suo compagno di squadra), al Tour of Japan. In Europa ottiene invece il nono posto al Giro dell'Appennino. Grazie ai risultati ottenuti, che gli consentono di aggiudicarsi la classifica finale dell'Asia Tour 2013, per il 2014 viene messo sotto contratto dalla formazione World Tour Trek Factory Racing.

Debutta con la nuova maglia in gennaio, cogliendo subito due successi di tappa e il quarto posto finale al Tour de San Luis in Argentina. Nel mese di marzo ottiene un terzo posto al G.P. Camaiore e subito dopo il quinto posto della classifica generale della Tirreno-Adriatico.

(tratto da it.wikipedia.org)



Squadre


Palmares




Hanno partecipato alla realizzazione di questa scheda: SarriTheBest
 
Rispondi


[+] A 1 utente piace il post di SarriTheBest
#2
Qualcosa di fantastico è la Trek di Arredondo:

[Immagine: mzoxvfk]

Pare la bici di un bambino... Asd Asd
 
Rispondi
#3
Bruttissima da vedere con la sella quasi sotto al manubrio Confuso:

In calando in questa fine di Giro, tra l'altro tra lui è la squadra corre pure allo sbando, peccato...
 
Rispondi
#4
Julian è un mito Ave

Ieri non ho visto che disastro ha combinato nella discesa del Gavia, ma spero proprio che alla fine quella maglia azzurra se la porti a casa alla fine. Uno dei pochissimi che ha saputo regalare un po' di spettacolo in questo Giro, prima della tappa di ieri.
 
Rispondi
#5
Ha quasi il doppio dei punti di Quintana, e anche un discreto margine su chi lo segue. Ce la può fare, anche se avesse avuto la possibilità di andare in fuga ad Oropa a quest'ora poteva dormire sonni tranquilli, o quasi. Purtroppo rischia di dover giocare un po' sulla difensiva, visto che è da Gennaio che va forte e ho paura cominci a raschiare un po' il fondo del barile... Sese

Nel futuro poi dovranno dargli una sistemata dal punto di vista tattico, che - per dire - a Montecampione è stato osceno. Asd
 
Rispondi
#6
dite che proverà a far classifica nei prossimi anni ?
 
Rispondi
#7
Sicuramente. La caduta di Montecassino gli ha rovinato i piani, altrimenti ci avrebbe provato già da quest'anno. Magari non ci sarebbe riuscito perchè è piuttosto inesperto a questi livelli (è il primo GT che fa), però le qualità per fare bene nelle corse a tappe le ha, come dimostra anche la scorsa Tirreno-Adriatico.
 
Rispondi
#8
Sì, una top 20 quest'anno ci poteva già stare, visto che comunque le cronometro erano abbastanza atipiche e gli permettevano di difendersi più che decentemente. Sul futuro non saprei: sarebbe perfetto per la Vuelta, però sui sudamericani non c'è mai da metterci la mano sul fuoco... Sese
 
Rispondi
#9
Per me potrebbe anche essere più adatto al Giro che alla Vuelta.

Comunque devo ancora inquadrarlo bene, non era considerato un predestinato come Quintana, Uran, Duarte o Betancur, è passato pro tardissimo rispetto ai suoi connazionali che già a 20 anni si confrontavano con i big del ciclismo mondiale mentre lui a quell'età arrivava in Italia e correva con una squadretta marchigiana. Fino ad oggi non è che mi avesse impressionato granché, cioé forte e coraggioso, ma inferiore agli altri colombiani, invece oggi mi ha sorpreso, non avrei mai pensato che uno che fino all'anno scorso correva in Asia con Fortunato Baliani potesse staccare Duarte.
 
Rispondi
#10
Ha avuto una crescita un po' più graduale tipo i nostri dilettanti (non per nulla si è formato qui in Italia), anche se quest'anno ha fatto proprio il botto. Sese
Visto così l'ho abbinato alla Vuelta perché non mi convince ancora sulle salite più lunghe: alla fine uno che non si sa bene gestire dovrebbe ovviamente rendere meglio in 2 minuti di sforzo (in cui praticamente devi pensare solo a dar tutto, e basta) più che in mezz'ora e oltre. Sese
 
Rispondi
  


Vai al forum:


Utente(i) che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)